/ Varese dalla vetrina

In Breve

mercoledì 29 novembre
sabato 04 novembre
martedì 26 settembre
sabato 23 settembre
martedì 08 agosto
mercoledì 26 luglio
sabato 15 luglio
sabato 01 luglio
domenica 18 giugno
domenica 11 giugno

Varese dalla vetrina | 04 novembre 2023, 09:30

VARESE DALLA VETRINA/10. «Qualità ed educazione. Assaggiamo frutta e verdura della nostra Puglia prima di venderla ai varesini». La ricetta dei Benso conquista tutti da 60 anni

Da metà anni Sessanta il fruttivendolo tra via Sempione e via Staurenghi è una garanzia. Dopo il papà Giuseppe, che arrivò da Bisceglie aprendo un piccolo negozietto, ora dietro il bancone ci sono i fratelli Antonio e Francesco: «Clientela affezionata, con alcune famiglie siamo giunti alla terza generazione. Sopra di noi aveva sede il Varese 1910: Montemurro è un buono, Figliomeni passava qua i pomeriggi e mister Sannino viene ancora a trovarci…»

Francesco Benso, che con il fratello Antonio gestisce il fruttivendolo in via Sempione

Francesco Benso, che con il fratello Antonio gestisce il fruttivendolo in via Sempione

«Qualità, costanza ed educazione». È questa la ricetta vincente per tenere aperto un fruttivendolo in centro Varese per oltre cinquant’anni. Ad assicurarlo è Francesco Benso, che con il fratello Antonio gestisce la storica attività di Varese all’angolo tra via Sempione e via Staurenghi.

Frutta e verdura fresca e di qualità, testata personalmente da chi ha la competenza e l’esperienza per servire clienti fidelizzati ormai da decenni.

Perché la storia del fruttivendolo Benso inizia a metà degli anni Sessanta, quando il signor Giuseppe arrivò a Varese dalla Puglia in cerca di fortuna. Un piccolo negozietto prima, lo stabile dove si trova attualmente il negozio poi: così ha inizio la fortunata storia dell’attività. I suoi tre figli (inizialmente Natale e Antonio, e poi anche Francesco) iniziano a dare una mano al papà in negozio, e un passo alla volta gli subentrano dietro il bancone. Con il passare del tempo vengono a mancare Natale e, un paio di anni fa, il papà Giuseppe, che lascia definitivamente ad Antonio e Francesco la sua creatura.

«Il 90% dei clienti sono quelli che ha saputo tenere mio padre - racconta Francesco - Con alcune famiglie siamo giunti addirittura alla terza generazione. Sono principalmente famiglie varesine per bene, posso dire che lavoro con clientela selezionata, che magari appartiene a famiglie che hanno storie importanti. Gli occasionali sono rari».

Al giorno d’oggi, con la concorrenza delle grandi catene sempre pronta a schiacciare i piccoli commercianti, la qualità della merce in vendita è una delle ragioni per cui un’attività come questa continua a esistere splendidamente e in perfetta salute.

«Siamo di origini pugliesi, di Bisceglie, e tanti nostri prodotti arrivano da lì. Frequento tutti gli anni il paese e conosco i fornitori personalmente, ci teniamo molto a questa cosa. Scegliamo noi personalmente la frutta e la verdura, non prendiamo niente senza assaggiarlo. Testiamo tutto» dice con orgoglio Francesco.

«Se siamo aperti da così tanti anni, principalmente è grazie alla qualità del prodotto - prosegue - alla nostra costanza, e all’educazione che abbiamo nei confronti dei clienti, perché alla fine solo loro che mangiano la mia frutta, e io compro e vendo in base a loro. Poi io come negoziante do consigli, visto che un po’ di esperienza in questi anni l’ho accumulata».

C’è poi un altro filo conduttore tra i Benso e la città, e passa dal Varese 1910, che ha avuto per alcuni anni la sua sede proprio nei locali sopra il negozio, e di cui la famiglia Benso è proprietaria. Una vicinanza che ha portato diversi protagonisti del calcio biancorosso approdato in serie B dopo 25 anni nel 2010 a stringere uno stretto rapporto con i titolari, che dura tutt’ora.

«È stata un’esperienza bellissima, abbiamo visto la società crescere e scalare tutte le categorie. Quando è arrivato Enzo Montemurro mi ricordo che era molto tranquillo e umile - racconta Francesco - Con Sean Sogliano la squadra è arrivata in Serie B e ho iniziato a rivedere gente che non vedevo da un sacco di tempo: arrivavano in serde per avere maglie o biglietti, e lì anche io mi sono fatto molti nuovi clienti».

Montemurro è rimasto un cliente dei Benso: «Siamo rimasti amici, abbiamo un bel feeling, è buono dentro. Anche mister Sannino è rimasto nostro amico fedele, e quando può passa sempre. Ho anche una maglietta di Giuseppe Figliomeni, che abitava qui di fianco e veniva spesso da noi, si piazzava qui e stava i pomeriggi interi a chiacchierare. Io di loro posso solo parlare bene».

Tra un sacchetto riempito di uva e uno di mandarini, la chiacchierata con Francesco volge al termine: «Questo è un lavoro in cui devi essere capace, ho cercato di prendere con me alcuni ragazzi, ma è difficile avere la stoffa. Portarsi a casa lo stipendio è difficile, però intanto siamo qui da sessant’anni. Questo è un lavoro stancante, ma a me piace».

«Ora vado, devo preparare l’ordine per la moglie di mister Sannino…».

Lorenzo D'Angelo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore