/ Calcio

Calcio | 10 maggio 2024, 07:07

Solbia, chiudi il cerchio con la storia. L'orgoglio e la carica del sindaco Battiston: «In 500 a Firenze per prenderci la D. Da piccolino papà mi portava al Chinetti a vedere Volpati e Bagnoli»

I nerazzurri, in ritiro a Coverciano, affrontano domani alle 15 il Paternò nella finale di Coppa Italia Dilettanti a Firenze che mette in palio la promozione e un momento atteso da 11 anni. Il primo cittadino e primo tifoso: «Vivo un'attesa da finale di Champions. Giro l'Italia e quando sanno che sono di Solbiate mi dicono: "Dove gioca la Solbiatese..."». A Scapinello, simbolo della squadra e uomo del destino: «Stai tranquillo e metti in campo semplicemente te stesso, la tua tecnica e la tua esperienza»

I capitani Scapinello e Maimone a contendersi la Coppa Italia Dilettanti e la promozione in serie D: ecco come la Lega Nazionale Dilettanti e "Gol disegnati" si immagina la finale in programma sabato alle 15 allo stadio Gino Bozzi di Firenze tra Solbiatese e Paternò

I capitani Scapinello e Maimone a contendersi la Coppa Italia Dilettanti e la promozione in serie D: ecco come la Lega Nazionale Dilettanti e "Gol disegnati" si immagina la finale in programma sabato alle 15 allo stadio Gino Bozzi di Firenze tra Solbiatese e Paternò

Oltre 400 persone, e forse saranno di più, partiranno domani per chiudere il cerchio con la storia e riportare la Solbiatese dove merita. Ci sarà la diretta streaming (clicca QUI), ci sarà la spinta della gente che vuole bene a questo club (come si fa a non volergliene?), ci sarà una squadra che da ieri sta preparando nel centro tecnico di Coverciano - una sorpresa di cui il gruppo è venuto a conoscenza solo davanti ai cancelli della casa azzurra - la finale di Coppa Italia Dilettanti che alle 15 mette in palio la serie D contro il Paternò, sostenuto anche da tanti siciliani presenti al centro nord, e ci saranno in campo giocatori come capitan Scapinello. Per i tanti che l'hanno visto crescere e gli vogliono bene (anche qui: come si fa a non volergliene?), sostenendolo nelle salite e nelle discese, Denni è il simbolo di chi può riprendersi tutto ciò che avrebbe meritato tanti anni fa: non è mai troppo tardi. È anche questo il motivo di tanto affetto verso questa società che può riprendersi un pezzetto di presente-passato-futuro grazie al simbolo che di questo percorso ripartito dal basso ha fatto una ragione di riscatto e, forse, di vita. 

«Quando ero piccolino mio papà Narciso mi portava a vedere la Solbiatese - dice il sindaco di Solbiate Oreste Battiston, che a proposito di fare della Solbiatese una ragione di vita non ha rivali - Eravamo in serie C, c'erano giocatori come Volpati e l'allenatore Bagnoli. Da allora per me non è cambiato nulla: l'amore per questi colori, semmai, è cresciuto man mano che ci allontanavamo dalla C e dalla D, che manca da 11 anni, perché ho sempre creduto che quello è il nostro approdo». 

Le parole del primo cittadino racchiudono a stento l'orgoglio e lo spirito Solbiatese: «Noi benvoluti? Non è questo il punto. Noi, prima di tutto, abbiamo una storia calcistica importante. Quando giro l'Italia e dico che sono di Solbiate Arno, mi rispondono: "Dove gioca la Solbiatese". Fare calcio in un paese con poco più di 4 mila abitanti a questi livelli non è facile, ma abbiamo strutture, dirigenti, progetti e valori grandi».

Scavando nell'animo impetuoso di Battiston che sente la vigilia come fosse quella di una finale di Champions, ecco emergere tutto lo spirito della Solbia: «Chi arriva al Chinetti e veste questa maglia è come se si trovasse in una grande famiglia e sposasse società e progetti ambiziosi».

Andiamo alla partita (si gioca allo stadio Gino Bozzi di Firenze, mancheranno gli infortunati Pandiani e Minuzzi; in caso di parità al 90' si disputano supplementari ed eventualmente si tirano i rigori): «Sappiamo che ci giochiamo un'intera stagione - dice Battiston - non abbiamo raggiunto i playoff perché abbiamo speso ogni energia per due mesi ogni mercoledì per arrivare a questo punto. Con un vittoria si va in D e all'inizio sarà forse una partita di attesa da parte di tutti e due. A Solbiate si respira un clima incredibile. Non vediamo l'ora che sia domani».

Battiston, che ha fatto un voto ma giustissimamente non lo dice, torna al punto: Denni Scapinello. «Se potessi dirgli qualcosa in questa vigilia, gli direi di stare tranquillo e mettere in campo tutta la sua tecnica e l'esperienza. Scapi può fare la differenza, lui sa come».

Poi si torna alle origini della passione e dell'amore nerazzurro: «Sono stato fortunato perché da presidente vinsi in due anni Promozione ed Eccellenza, trovando un allenatore e un uomo speciale come Corrado Cotta in serie D. In questa stagione, al di là dei risultati, in Coppa abbiamo avuto qualcosa di magico, come un vento alle spalle cercato e voluto. Arriviamo da una lunga galoppata in cui abbiamo battuto squadre che hanno poi vinto i loro gironi, ma manca ancora una partita...».

«Ci tengo a ringraziare Claudio Milanese e la presidentessa Silvia Gatti, Carmine GorrasiDanilo Agrelli e tutti quelli che lavorano con loro per quanto stanno facendo  per il club e per il settore giovanile. È un onore ed è la cosa più bella che potesse capitarmi poter collaborare con loro...» conclude il sindaco di un paese e una squadra che mette la passione al potere.  

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore