/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 24 aprile 2024, 07:45

Pienone anche al Fratello Sole per la raccolta puntuale. Dal centro di Busto domande e malcontento

Le obiezioni e i dubbi emersi ieri sera sono quelli degli altri quartieri. A preoccupare la raccolta quindicinale, la Tari e le sanzioni

Pienone anche al Fratello Sole per la raccolta puntuale. Dal centro di Busto domande e malcontento

Nella serata di ieri - martedì 23 aprile - al Cinema Teatro “Fratello Sole” è stato organizzato l’incontro tra Agesp e i cittadini per parlare della nuova raccolta puntale, che negli altri quartieri di Busto Arsizio ha già preso il via. La platea era piena e c’erano persone anche in galleria. I dubbi sono ancora tanti, e a preoccupare sono sempre gli stessi “punti caldi”.

In centro la nuova raccolta puntuale dell’indifferenziata con il sacco azzurro microchippato e frequenza quindicinale inizierà il 13 maggio. Per fare chiarezza sulla raccolta differenziata, Paola Rossi - dell’agenzia di comunicazione ambientale Achab Group - anche ieri ha iniziato con un breve “ripasso”. Ma, ancora una volta, i dubbi su dove gettare alcuni oggetti sono rimasti (vi ricordiamo intanto il dizionario dei rifiuti di Agesp, QUI).

Tra i più richiesti (che sono emersi anche negli incontri precedenti) figurano le lettiere, che vanno nell’indifferenziata se sono minerali e nell’umido se sono compostabili. Il polistirolo per imballaggi - come quello degli alimenti e degli elettrodomestici - deve essere gettato nella plastica.

I blister delle medicine sono perlopiù di plastica, tranne alcune eccezioni, che sono di alluminio, e devono quindi essere raccolte con il vetro. Le siringhe, invece, devono essere gettate nell’indifferenziata, dotate di cappuccio in modo che il sacco possa essere maneggiato con sicurezza. Ancora, i tovaglioli di carta sono destinati all’umido se hanno residui di cibo, mentre piatti e bicchieri devono essere portati al Centro Multiraccolta, così come le lampadine a neon.

Per i pannolini e i pannoloni - ricorda Paola Rossi, come ad ogni incontro - c’è l’apposito sacco rosso, la cui raccolta rimarrà settimanale. Le traversine e gli assorbenti igienici femminili invece vanno nell’indifferenziata.

I dubbi però non si limitano a dove buttare i rifiuti. Una delle maggiori preoccupazioni dei cittadini è la raccolta quindicinale, soprattutto con l’avvicinarsi dell’estate. Molti lamentano di non sapere dove conservare il sacco azzurro per quindici giorni, e temono l’insorgere di cattivi odori e problemi igienici.

La risposta di Agesp è sempre la stessa: non esiste una soluzione unica che possa adattarsi a tutti. L’obiettivo della raccolta puntuale è far sì che ognuno diventi responsabile dei rifiuti che produce, e questo significa anche imparare a gestirlo e individuare la strategia migliore a seconda delle proprie necessità. Il consiglio è - se possibile - di tenere il sacco azzurro all’aperto, magari dentro ad un contenitore, e utilizzare dei sacchetti più piccoli per contenere i rifiuti che possono causare odori sgradevoli.

Tari, sacchetti e sanzioni

Di estremo interesse è anche la questione della Tari, che sarà calcolata in base al numero di sacchi azzurri che verranno raccolti, e non al loro peso, quindi il suggerimento di Agesp è di esporre i sacchi solo una volta che sono pieni.

Anche il numero dei sacchetti preoccupa: alcuni potrebbero rompersi, oppure certe famiglie potrebbero aver necessità di più sacchi. Quelli forniti gratuitamente ogni anno sono 26 per famiglie fino a 4 membri e 39 per i nuclei familiari più numerosi, ma chi desidera averne altri può acquistarli ai distributori automatici.

Un altro punto emerso (anche) ieri sera è quello delle sanzioni. Le persone sono preoccupate di sbagliare a gettare i rifiuti e temono che qualcuno possa aprire il loro sacco mentre è esposto, aggiungendo oggetti che non dovrebbero andare nell’indifferenziata. «Tutti possiamo fare uno sbaglio, e l’obiettivo di questo sistema non è dare multe - ribadisce Paola Rossi -. Il problema sorge quando questi errori sono ripetuti e costanti». Inoltre, rassicura sui malintenzionati: non sceglieranno sempre il sacco della stessa persona per metterci la loro immondizia.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore