/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 11 dicembre 2022, 12:00

L'ANNIVERSARIO. Due anni fa iniziavano le demolizioni alla Mizar: «Oggi 25mila metri quadrati di rinascita»

L'architetto Luca Macchi ripercorre in occasione dell'anniversario un'operazione «delicata ma decisamente affascinante» a Busto. Il viaggio a ritroso con tutte le news allegate

L'avvio dei lavori, un sopralluogo, alcune delle inaugurazioni

L'avvio dei lavori, un sopralluogo, alcune delle inaugurazioni

Oggi, due anni fa, si iniziava a demolire l'area ex Mizar. Quell'ex pesava sul cuore di Busto Arsizio, così ancorato al tessile. Era un'operazione da far tremare i polsi, nel nostro Paese, ma la rinascita è avvenuta.

Lo ricorda l'architetto Luca Macchi con un post che offre uno sguardo su quell'11 dicembre 2020. Pandemia in corso, pesi aggiuntivi alla solita burocrazia. Si prova a dar forma a un sogno in un rione come quello di Beata Giuliana, gravato dai problemi e dalla visione ravvicinata dello scheletro del Palaghiaccio.

Ora si può tirare un sospiro di sollievo e con l'inaugurazione di ieri il cinema si è aggiunto al commercio, allo sport.

L'architetto non ha mai amato i riflettori, ma oggi rompe il ghiaccio perché quando un lavoro simile va in porto, bisogna esprimere anche la riconoscenza: «La stragrande parte del progetto, in due anni è stata ultimata, ieri é stato inaugurato anche il multisala (un bravo all'architetto Franco Ventura). Due anni di lavoro delicato ma decisamente affascinante».

Il quadro è questo: «Venticinquemila metri quadrati di edifici ristrutturati e in parte ricostruiti, un nuovo controviale di accesso, due nuove rotatorie hanno migliorato l'intero quartiere e la viabilità. Il quartiere di Beata Giuliana, oggi può godere dei servizi del centro Mizar Park. Negozi, centro sportivo, palestra, cinema, uffici». Tra i primi a crederci, Eolo con Luca Spada e il centro sportivo, ma poi davvero tante attività diverse.

Allora ci si può lasciar andare a un sorriso: «Son contento che, dalla proprietà all'amministrazione, siano tutti soddisfatti di quanto realizzato. Un grazie ancora a Francesca, Mara e Davide Macchi, ottimi collaboratori. Un grazie anche agli uffici comunali, urbanistica, edilizia privata, lavori pubblici e vigilanza urbana». 

Si è riusciti a lavorare tutti insieme, nella stessa direzione, e adesso questa porzione determinante della città si è trasformata: « Ora si lavora sulle ultime piccole unità ancora non finite. È andata» conclude l'architetto.

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore