/ Salute

Salute | 02 maggio 2024, 13:52

La Uil Lombardia contro la delibera regionale sulle liste d'attesa: «Solo 15 minuti per un'ecografia ginecologica, a rischio la qualità dell'assistenza»

Aumentano gli slot di prestazione ma vengono stabiliti tempi massimi di esecuzione rigidi per ciascuna: 20 minuti per la prima visita oculistica, 40 minuti per una colonscopia. Il segretario regionale Monteduro: «La salute dei pazienti deve essere sempre la priorità e non può essere compromessa da una visione troppo restrittiva e numerica del processo di cura»

La Uil Lombardia contro la delibera regionale sulle liste d'attesa: «Solo 15 minuti per un'ecografia ginecologica, a rischio la qualità dell'assistenza»

Liste d’attesa ennesimo atto. La Regione Lombardia delibera misure stringenti per ridurre i tempi di attesa attraverso il Piano Nazionale di Gestione delle Liste d'Attesa e per i ricoveri creando grande preoccupazione all’interno del sindacato Uil Milano Lombardia. 

«Mentre l'intenzione di migliorare l'accesso alle cure è apprezzabile – evidenzia in una nota il segretario confederale della Uil Lombardia Salvatore Monteduro - le modalità con cui si intende attuare tale piano sollevano dubbi significativi sulla sua sostenibilità e sull'impatto sul personale sanitario».

La delibera, infatti, propone un notevole aumento degli slot di prestazione e stabilisce tempi massimi di esecuzione rigidi per ogni prestazione. E per fare un esempio di quanto deliberato basta dire che si è assegnato un tempo massimo di 20 minuti per una prima visita oculistica, 40 minuti per una colonscopia con endoscopio flessibile, e soltanto 15 minuti per un'ecografia ginecologica.

«Questi limiti temporali – continua Monteduro - rischiano di trasformare la cura in un processo meccanico, mettendo a dura prova la capacità degli operatori di fornire assistenza personalizzata e attentaSi tratta di un insostenibile aumento del carico di lavoro imposto agli operatori sanitari, che sono già sottoposti a un elevato livello di stressImpegnare il personale sanitario a rispettare tempi così ristretti per ogni trattamento non solo è irrealistico ma pericoloso, poiché ignora la complessità e l'individualità di ciascun caso clinico. Inoltre la pressione per adempiere a tali standard temporali può inevitabilmente portare a una diminuzione della qualità dell'assistenza sanitaria. Non dimentichiamoci che la salute dei pazienti deve essere sempre la priorità, e non può essere compromessa da una visione troppo restrittiva e numerica del processo di cura».

Le richieste del sindacato sono nette con l’invito a Regione Lombardia a riconsiderare questi aspetti della delibera, proponendo un approccio più equilibrato che includa investimenti significativi nella forza lavoro sanitaria e nel miglioramento delle condizioni di lavoro, oltre a un rinnovo dei contratti collettivi che valorizzi adeguatamente il personale sanitario.

 

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore