/ Storie

Storie | 13 aprile 2024, 10:48

L’ultima pupilla di quel diavolo di Graziano Ballinari è Dea Culpa: «Quando ci siamo conosciuti mi ha detto "Hai trovato un papà, un amico e un nonno"»

La nuova arrivata sotto l’ala protettrice del talent scout della Val Veddasca è la bergamasca Alessia Gerardi, ventiquattrenne ma con già molta esperienza, anche in televisione in programmi come Io Canto, X Factor e molti altri: «Graziano mi dà buoni consigli e conosce molta gente nell’ambiente dello spettacolo. Oggi mi sento matura e soddisfatta delle mie opere, spero entro maggio di uscire con il primo pezzo. Il nome d’arte? D C sono le iniziali di mia mamma, e la Dea è l’Atalanta, di cui sono tifosissima»

Graziano Ballarini con Alessia Gerardi, in arte Dea Culpa

Graziano Ballarini con Alessia Gerardi, in arte Dea Culpa

Quel diavolo di Graziano Ballinari, unico e insostituibile cessologo e mutandologo, performer dialettale, scrittore e memoria storica della Val Veddasca, ha anche fama di talent scout, così capita di ricevere una telefonata con l’invito a passare da lui a conoscere una sua pupilla, cantante, autrice e chitarrista.

Graziano non è uomo da mezze misure e va subito al sodo, presentandoci Alessia Gerardi, in arte Dea Culpa, enfant prodige che a sette anni già si esibiva e oggi, a 24, vanta già un invidiabile curriculum. Alessia è nata a Lallio, paese della bergamasca, ma da qualche tempo vive a Milano e non perde occasione per passare a Varese a trovare l’amico Ballinari, in passato ospite di tutti i talk show, Costanzo compreso.

Alessia, capelli platino e occhi verde foglia, ha la decisione della gente della sua terra, sa quello che vuole e sta facendo di tutto per ottenerlo, con grande determinazione e talento.

«Ho incominciato a cantare a tre anni, in famiglia c’è passione per la musica e i miei non mi hanno mai ostacolato nelle scelte. A sette anni studiavo con Maurizio Zappatini, insegnante di canto di Elisa e Mahmood, e a undici ho debuttato a Io Canto, la trasmissione condotta da Gerry Scotti. Per me è stata la conferma che la strada era quella giusta» spiega Alessia.

L’artista bergamasca brucia le tappe, incomincia a studiare la chitarra per potersi accompagnare e cantare le proprie composizioni.

«Ho partecipato nel 2018 a due puntate di X Factor con il mio brano intitolato Universi artificiali, l’anno successivo sono stata tra le vincitrici di Area Sanremo con Atipica, un’altra mia composizione. Da un anno e mezzo collaboro con Claudio Guidetti, autore per Eros Ramazzotti e ho sei pezzi pronti, con parole e musica scritte da me. Vorrei presto fare un disco, i brani sono prodotti assieme ad Alessandro Fava e Hanashi, e uno in particolare da Steve Tarta, producer del figlio di Gigi D’Alessio. Oggi mi sento matura e soddisfatta delle mie opere, spero entro maggio di uscire con il primo pezzo».

Nel 2022, Alessia Gerardi ha partecipato a The Band, condotta su Rai1 da Carlo Conti, assieme agli Anxia Lytics, con cui collabora: «È stata l’esperienza più bella fatta finora, siamo arrivati secondi e ho cantato America davanti a Gianna Nannini, ricevendo molti complimenti e diversi suggerimenti da Dolcenera. Siamo stati notati da molti e abbiamo poi partecipato a diverse serate, compiendo tour per l’Italia con uno spettacolo di un’ora e mezza» dice la cantante, il cui genere musicale è l’elettropop e in passato, a 15 anni, apriva gli spettacoli di Zelig e Colorado Café.

Il nome d’arte di Dea Culpa incuriosisce molto, ma c’è una precisa spiegazione: «Ammettere le colpe è un’ammissione di responsabilità, e oggi pochi si prendono la responsabilità delle proprie azioni. Poi D e C sono le iniziali di mia mamma Domenica Cossotti, e la Dea è l’Atalanta, di cui sono tifosissima».

Alessia Gerardi non si ferma, nel frattempo ha imparato a suonare il pianoforte da autodidatta e sta frequentando un corso di produzione musicale al Sae Institute di Milano, perché è sua intenzione produrre da sé i suoi brani.

Con Graziano c’è un grande feeling: «Mi dà buoni consigli, lui conosce molta gente nell’ambiente dello spettacolo, e non è escluso che in futuro si possa organizzare un evento insieme. Quando ci siamo conosciuti, pochi mesi fa, mi ha detto: "Oggi hai trovato un papà, un amico e un nonno"».

Mario Chiodetti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore