/ 

| 16 marzo 2022, 10:00

VIDEO. Accogliere è una festa: i bimbi con il nuovo piccolo ospite ad Haiti

Una bambina che era stata lasciata alla Kay Pè Giuss da suor Marcella, è stata ripresa dalla sua mamma. Intanto entra un altro ragazzino fragile: ecco cosa succede allora tra i piccini del Paese più povero del mondo

La festa e il piccolo

La festa e il piccolo

Una bimba fragile è stata riportata a casa dalla sua mamma, la donna è tornata alla Kay Pè Giuss di suor Marcella per riprenderla; un altro ragazzino, con altre fragilità, è arrivato e l'accoglienza esplode come una festa.

Storia di vita quotidiana ad Haiti, dove i bambini con disabilità spesso vengono affidati alla missionaria bustocca dalle famiglie perché non possono prendersene cura. Almeno sono in mani sicure, si dicono, sfamati e curati. Talvolta, ciò succede temporaneamente, come nel caso di Chedlene, lasciata alla Kay a pochi mesi di vita, in pesanti condizioni di denutrizione.

Ma la porta non fa in tempo a chiudersi che si affaccia il volto di Judson, sette anni e mezzo, ipovedente e muto. C'è da farlo sentire a casa e subito si scatena una festa, canti, danze, applausi in cui viene coinvolto: grandi e piccini si avvicinano, lo sfiorano, lo incitano a sentirsi parte della famiglia.

Parla il sorriso di Judson, le mani che si muovono, la timidezza che si scioglie. Parla la gioia di questi bambini e degli educatori, che non si preoccupano di spazi o risorse, perché lui rappresenta la risorsa: è un nuovo amico. Ad accogliere - gridano anche con i loro gesti i bambini del Paese più povero del mondo - è una festa.

GUARDA IL VIDEO

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore