/ Altri sport

Altri sport | 07 aprile 2024, 09:56

Verstappen trionfa al GP del Giappone. Ferrari ancora sul podio

Max ha conquistato la vittoria al Gran Premio del Giappone, terzo successo in quattro gare per l'olandese della Red Bull. Sergio Perez ha concluso secondo, regalando alla scuderia anglo-austriaca la terza doppietta stagionale. Carlos Sainz ha ottenuto un ottimo terzo posto

copyright Oracle Red Bull Racing X account

copyright Oracle Red Bull Racing X account

Il Gran Premio del Giappone 2024 ha visto trionfare ancora una volta Max Verstappen e la sua Red Bull. L'olandese ha conquistato la terza vittoria in quattro gare, confermando il dominio della scuderia anglo-austriaca in questa stagione. Insieme a Sergio Perez, secondo al traguardo, hanno regalato alla Red Bull la terza doppietta, un dominio simile a quello del 2023 e interrotto solo dalla doppietta Ferrari in Australia.

Verstappen ha tagliato il traguardo con un vantaggio di circa 12 secondi su Perez. Un'altra prestazione eccellente per la coppia della Red Bull, che si è dimostrata imbattibile su un tracciato come quello di Suzuka, dove ci si aspettava potesse mostrare le migliori qualità della RB20.

La seconda forza del weekend è stata ancora una volta la Ferrari, con Carlos Sainz che ha conquistato un ottimo terzo posto, precedendo il compagno di squadra Charles Leclerc. Lo spagnolo è riuscito a superare Leclerc al giro 46 grazie all'utilizzo del DRS, salendo così in zona podio. Sainz è sempre andato a podio nelle tre gare disputate quest'anno, confermando la sua grande costanza di rendimento.

Leclerc, partito ottavo, ha scelto una strategia alternativa, optando per un primo stint di gara con gomme medie per ben 27 giri, e ha concluso quarto. Ottima la gara del monegasco che ha dimostrato una capacità di gestione gomme straordinaria. Il degrado delle gomme è stato maggiore rispetto al previsto per tutti i team, ma questo si era già notato durante le prove libere del sabato mattina. Aver saputo gestire le gomme in modo superlativo ha permesso a Charles di arrivare ai piedi del podio. Peccato per la qualifica non ottimale di sabato che ha penalizzato la posizione in partenza di Charles, costretto nel traffico all’inizio. Ma forse, non è stato solo il risultato di un cattivo outlap del monegasco;  è stato probabilmente anche il risultato di una scelta di assetto da un lato e della natura della vettura dall’altro.  La Ferrari è sempre andata a podio quest'anno, dimostrando di aver compiuto un significativo passo avanti rispetto alla scorsa stagione.

Dietro ai due Ferraristi si sono classificati Lando Norris con la McLaren, Fernando Alonso con l'Aston Martin, George Russell con la Mercedes, Oscar Piastri con la McLaren, Lewis Hamilton con la Mercedes e Yuki Tsunoda con la Racing Bulls, che ha conquistato un punto prezioso. Il giapponese della RB Visa Cash batte ancora una volta il compagno di squadra Ricciardo, protagonista dell’interruzione della corsa al primo giro per un incidente con Alexander Albon. Una sequenza di risultati negativi che continua per entrambi i piloti.

Continuano i problemi della Mercedes, con una strategia non perfetta e una macchina che ha molti problemi in tutte le aree. Anche la McLaren ha deluso, soprattutto considerando le performance del 2023 sullo stesso tracciato. Era nettamente la seconda forza ma oggi il team di Woking non è riuscito in alcun modo a tenere il ritmo della Ferrari SF-24. Ferrari che ha dimezzato il distacco dalla Red Bull rispetto allo scorso anno. Certo, 20 secondi non sono comunque pochi, ma la rossa dimostra di potersela giocare molto di più e di essere nettamente superiore a tutti i rivali per la corsa al “mondiale degli altri”.

La prossima gara è in Cina, dove si torna per la prima volta dopo la pandemia Covid. Sarà l’occasione anche per la prima gara sprint dell’anno, una variabile interessante e che potrebbe cambiare qualche carta in tavola. La scuderia che troverà l’equilibrio del setup più rapidamente rispetto alle altre, potrà trarre un enorme vantaggio.

Di seguito i risultati del GP del Giappone:

 

1.     Verstappen, Red Bull

2.     Perez, Red Bull

3.     Sainz, Ferrari

4.     Leclerc, Ferrari

5.     Norris, McLaren

6.     Alonso, Aston Martin

7.     Russell, Mercedes

8.     Piastri, McLaren

9.     Hamilton, Mercedes

10.  Tsunoda, RB

 

Lorenzo Pisani e Stefano Sandrini

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore