/ Varese

Varese | 29 marzo 2024, 17:29

Presidi a Busto e Varese per “Lombardia SiCura”: «Contro i tagli e lo smantellamento dei servizi socio sanitari pubblici»

Venerdì 5 aprile, in occasione della Giornata Mondiale della Salute, doppio presidio davanti agli ospedali di Busto e Varese. Lo promuovono Lombardia SiCura e la Rete Europea-La salute non è in vendita, dalle 9 alle 12

L'ospedale di Busto Arsizio

L'ospedale di Busto Arsizio

Venerdì 5 aprile, in occasione della Giornata Mondiale della Salute, un presidio in via Arnaldo da Brescia, davanti all’ospedale di Busto Arsizio, e in via Guicciardini, davanti all’ospedale di Circolo di Varese. Lo promuovono Lombardia SiCura e la Rete Europea-La salute non è in vendita, dalle 9 alle 12.

CONTRO I TAGLI E LO SMANTELLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI PUBBLICI

«L’invecchiamento della popolazione con l’incremento delle malattie croniche e della non autosufficienza; l’aumento delle patologie da inquinamento e da stress lavoro-correlato, l’insicurezza generata dalla precarietà e dalla povertà in larghe fasce della popolazione, il concomitante aumento del disagio psichico e dei fenomeni di dipendenza e fragilità sociale, i nuovi fenomeni globali: pandemie, migrazioni, cambiamenti climatici, il parallelo declino e impoverimento dei Servizi Sociosanitari Pubblici e il venir meno dei Sistemi di protezione sociale, rendono sempre più impellente e necessario un nuovo e radicale cambiamento di rotta delle Politiche Socio Sanitarie nel nostro paese».

I promotori della protesta rivendicano: «La Garanzia della Cura, all’interno del Servizio Socio Sanitario Pubblico, sul territorio nazionale e regionale, affinché sia garantito a tutti e a tutte e ovunque, soprattutto nelle aree più periferiche e interne e per le persone con più fragilità e patologie, l’erogazione dei LEA e dei LEPS, che vanno implementati e finanziati.

È fondamentale intervenire sulle cause e abbattere l’allungamento delle liste di attesa, che creano insopportabili discriminazioni tra chi può pagare e chi invece rinuncia a curarsi, alimentando fortemente la privatizzazione della Sanità.

Altrettanto decisiva è l’applicazione della riforma sulla non-autosufficienza, coerente con la legge-delega, attesa da oltre vent’anni».

Durante il sit-in saranno chiesti:

«- L’applicazione e il rilancio delle politiche di prevenzione e sicurezza applicando, nei luoghi di vita e in quelli di lavoro, le norme di tutela dell’ambiente e degli ecosistemi perché siano idonei per gli operatori/operatrici sanitari e sociosanitari, in un’ottica globale della salute e dei suoi determinanti.

- Il potenziamento dei servizi territoriali di prossimità, la riorganizzazione della assistenza e della prevenzione primarie, e l’integrazione ospedale-territorio tramite un incremento strutturale del fondo sanitario nazionale e la piena attuazione del PNRR e del DM 77/2022, con una dotazione adeguata di personale, sia sanitario che socio-sanitario, per farli funzionare e con un incremento dei fondi per i servizi di protezione sociale per garantire tutti i diritti alle persone non autosufficienti e la loro integrazione con i servizi sanitari.

- La riorganizzazione della formazione/aggiornamento e la valorizzazione delle competenze, delle varie professioni sanitarie nel sistema pubblico con un piano straordinario di assunzioni, abolendo i tetti di spesa per il personale tuttora esistenti, e individuando specifici finanziamenti per reinternalizzare i servizi, incrementare le dotazioni organiche, e assicurare un compenso economico dignitoso per tutti gli operatori, inclusa un’adeguata retribuzione degli straordinari.

- La partecipazione democratica dei cittadini e degli operatori ai meccanismi decisionali, la promozione di un modello che garantisca una collaborazione orizzontale tra tutti gli attori della sanità e le istituzioni.

- Uno stop deciso alla privatizzazione dell’Assistenza Sanitaria. La Salute non può essere commercializzata, ridotta a merce, o compromessa dalle politiche di austerità e sotto finanziamento. La soluzione non è l’Autonomia differenziata, che produce ulteriori diseguaglianze e disomogeneità nell’offerta di servizi tra i cittadini».

Da diversi anni associazioni, comitati locali e forze politiche in Lombardia si sono mobilitate con iniziative nelle piazze e nelle istituzioni per invertire la tendenza alla privatizzazione e alla disparità di accesso ai servizi della sanità lombarda. Sarà possibile firmare la petizione “La Lombardia SiCura”.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore