/ Varese

Varese | 22 maggio 2020, 12:33

Scoperta l'identità della ragazza asiatica ritrovata ieri in via Dandolo scalza a disegnare: è una studentessa di Shanghai

Grazie a un capotreno che ha letto l'articolo pubblicato ieri, la Polfer è riuscita a ricostruire gli spostamenti da Milano fino a Varese della giovane che ora è in cura all'Ospedale di Circolo ancora in stato di choc. Si indaga per capire cosa le sia successo

Scoperta l'identità della ragazza asiatica ritrovata ieri in via Dandolo scalza a disegnare: è una studentessa di Shanghai

Parte da Milano la giornata della giovane ragazza cinese ritrovata ieri in via Dandolo seduta per terra, scalza, intenta a disegnare e in stato di choc (leggi qui). Era sul treno Milano-Laveno che alle 12.40 si è fermato in stazione a Varese e dai cui è scesa abbandonando tutti i suoi effetti personali a bordo.

Li ha trovati poco dopo il capotreno. Si tratta di oggetti di valore, tra cui un computer, un cellulare e un orologio di una nota marca, poi c'era la mascherina, un blocco da disegno, i colori e le sue scarpe. Proprio questo dettaglio ha fatto preoccupare il capotreno che ha subito avvisato la Polfer del ritrovamento e consegnato gli oggetti.

Solo a tarda notte, leggendo il nostro articolo, ha collegato i due fatti, ha avvisato la polizia e permesso di identificarla: si tratta di una studentessa ventenne originaria di Shanghai. Resta ora da capire cosa le sia accaduto per spingerla ad abbandonare le sue cose e vagare scalza per la città. La ragazza infatti è ancora ricoverata in ospedale in stato di choc e non ha ancora parlato: ha solo confermato, in un attimo di lucidità, che proveniva da Milano. 

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore