/ Calcio

Calcio | 28 maggio 2024, 09:01

Tifosi, maglia, città, sentimento, ferocia, sfida, spogliatoio, alchimia: il calcio vero di Sean Sogliano in poche parole

Il direttore sportivo varesino del Verona in un'intervista a "Supermercato" dopo la doppia salvezza impossibile in serie A parla di valori antichi che fanno la differenza eppure che a volte sono mosche bianche nel calcio di oggi: «Serve gente che sappia cos'è la fame e lotti per i colori che indossa, pubblico che ti fa sentire un giocatore vero, ambiente capace di farti dare il massimo e uno spogliatoio dove tutti sono uguali, i giocatori di C e quelli di A»

Tifosi, maglia, città, sentimento, ferocia, sfida, spogliatoio, alchimia: il calcio vero di Sean Sogliano in poche parole

Una squadra che rappresenta una città, un ambiente che riesce a farti dare il massimo, un rapporto diretto e onesto con la gente - «se dai un obiettivo ai tifosi, poi ti seguono» - e poi parole come orgoglio, sentimento, spogliatoio («Lì dentro sono tutti uguali, giocatori di serie C come di serie A, e deve nascere un'anima»), fame («Serve gente che sappia cos'è quella cosa lì...»), maglia («...e che lotti per i colori che indossa») e ancora sfida, battaglia, ferocia, alchimia, pubblico, «quello che ti fa sentire un giocatore vero»: c'è tutto Sean Sogliano in queste parole antiche che, riscoperte e messe davanti a tutto, sembrano le più moderne e vincenti del mondo e fanno la differenza soprattutto oggi, quando in pochi riescono a non tradirle. Il fiuto, il mercato e i mercati esteri setacciati e tenuti sott'occhio da decenni («Se mi piace un giocatore, faccio di tutto per prenderlo»), i collaboratori e le persone giuste al posto giusto passano quasi in secondo piano, anche se poi sono decisive per chi come Sogliano ama alla follia il suo lavoro di direttore sportivo, nell'intervista rilasciata alla trasmissione Supermercato di Tggialloblu. Ve le proponiamo perché abbiamo l'umiltà di pensare che possano valere e rappresentino l'essenza di un certo modo di fare calcio di cui innamorarsi ancora.

«Per me lavorare in una squadra di calcio vuol dire attaccarsi emotivamente. Quando fai questo lavoro rappresenti una città e devi dare tutto te stesso: qui a Verona il presidente Setti si è fidato di me e qua ho trovato un ambiente in cui lavorare bene».

«In questo anno e mezzo, da quando sono arrivato, ho sempre dato il massimo. E se uno riesce a dare il massimo vuol dire che è nel posto giusto. Verona è un po' la mia seconda casa, ecco perché il mio futuro è sicuramente qui».

«Vedere tutto lo stadio che festeggia la salvezza è una cosa bellissima e quando dai un obbiettivo alla gente, i tifosi poi ti aiutano». «Una tifoseria deve amare un club per quello che al massimo riesce a fare, cercando ogni anno di migliorarsi».

«Se resto a Verona? Io ho dato il massimo, per me rimanere a Verona è un orgoglio e sta diventando una seconda casa. Ma chi rimarrà deve avere la forza emotiva per lottare come abbiamo fatto quest’anno».

«Il Verona ha bisogno di giocatori in base all’obbiettivo, ragazzi che abbiano fame, che lottano per la maglia: ci vuole la rabbia per rimanere in serie A e solo con un gruppo così siamo riusciti a salvarsi. E poi giocare nel Verona è una cosa bella, ti senti un giocatore vero: giocare davanti ad un pubblico così è una cosa emozionante, e i giocatori questi lo sentono».

«Se mi colpisce un giocatore, faccio di tutto per prenderlo: a me piace lavorare con un allenatore che abbia lo stimolo di trovare l’alchimia giusta degli 11 giocatori e poi quando c’è equilibrio, i giocatori tecnici fanno la differenza».

«È fondamentale che ci sia un’anima di spogliatoio, e tutti vanno trattati nello stesso modo: tutti sono professionisti, il giocatore di serie C come quello di serie A. Ma lo spogliatoio è sacro e lì dentro son tutti uguali: perché senza sentimento perdi tanti punti».

Sean Sogliano

A.C.


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore