/ Economia

Economia | 23 aprile 2024, 10:55

Router Wi-Fi: principio di funzionamento e caratteristiche

Mettiamola così: se non esistessero i router Wi-Fi, tutti i dispositivi presenti in una casa o un ufficio dovrebbero essere connessi con un cavo al modem per poter accedere a Internet.

Router Wi-Fi: principio di funzionamento e caratteristiche

Mettiamola così: se non esistessero i router Wi-Fi, tutti i dispositivi presenti in una casa o un ufficio dovrebbero essere connessi con un cavo al modem per poter accedere a Internet. E solo quelli abbastanza grandi da poter essere connessi con un cavo telefonico potrebbero farlo.

Per fortuna, però, i router esistono e non è certo un caso che si possano trovare ormai in tutte le abitazioni private, le aziende e i luoghi pubblici a livello globale.

Ma come fa questa piccola scatola magica a permettere a tanti dispositivi diversi di andare online senza bisogno di cavi e fili? Come funziona davvero un router Wi-Fi e quanti tipi ne esistono? Continua a leggere per scoprirlo.

Cos'è un router Wi-Fi

Per capire di cosa si tratta, partiamo dal nome stesso di questo dispositivo che deriva dalla parola inglese “route”, ovvero “percorso”, “via” o “strada”.

Il router Wi-Fi è un hardware che funge da punto di connessione tra una rete locale e Internet. Questa piccola scatola di plastica è in grado di “instradare” e gestire il traffico web e i dati tra dispositivi su reti diverse così che più dispositivi possano condividere la stessa connessione Internet.

Utilizzando il sistema IP (protocollo Internet), i router gestiscono il traffico Internet e indirizzano i pacchetti di dati all'indirizzo IP corretto. Senza un router, i tuoi computer, smartphone e strumenti di Domotica avrebbero bisogno ciascuno di una propria connessione Internet individuale per funzionare correttamente.

Come funziona

Contrariamente a quanto si pensi, i router Wi-Fi non portano Internet all’interno degli edifici; la loro funzione è quella di passarlo ai dispositivi. Il dispositivo che ci permette di avere una connessione Internet si chiama modem. Questi due funzionano in coppia e, proprio per questo, ormai sono quasi sempre installati all’interno di un unico supporto.

Quando il traffico Internet arriva al router tramite il modem, questo lo inoltra a un particolare indirizzo IP, garantendo che raggiunga il dispositivo corretto. Ecco perché i protocolli Internet sono così importanti. Il tuo indirizzo IP è come un indirizzo fisico a cui devono essere consegnati i pacchetti di dati.

Insomma, i dati Internet arrivano attraverso un modem, vengono distribuiti attraverso il router e arrivano così ai singoli dispositivi. 

Diversi tipi di router Wi-Fi

Tutti i router presenti sul mercato svolgono la stessa funzione, ma lo fanno in maniera diversa a seconda della loro conformazione e delle loro caratteristiche. In linea di massima, oltre ai router Wi-Fi, possiamo distinguere altri due modelli: i router cablati e i sistemi mesh.

I router cablati sono ormai caduti in disuso e, come ci suggerisce il nome stesso, hanno bisogno di cavi per connettersi fisicamente ai dispositivi a cui trasmettono i dati Internet. Nel 99% dei casi, i router che vengono installati al giorno d’oggi sono router Wi-Fi che includono un'antenna e un adattatore wireless che converte i segnali Internet in onde radio (Wi-Fi) e consente ai dispositivi di andare online senza una connessione cablata.

Infine, i sistemi mesh sono formati da un router principale e alcuni router secondari che permettono di assicurarsi di non lasciare zone d’ombra (dove il Wi-Fi non prende) all’interno di un edificio. Si tratta di una soluzione più complessa, spesso implementata nelle grandi aziende o nelle strutture ricettive.

Le caratteristiche principali di un router

Quando ci si trova a dover acquistare un router Wi-Fi, le caratteristiche più importanti da considerare sono la velocità, la copertura e la modalità di connessione del dispositivo. 

Inoltre, è importante tenere in considerazione l’uso che si fa di Internet: per guardare qualche film o fare ricerche online basta una connessione di media qualità, mentre per il gaming e per l’uso di piattaforme online complesse la connessione deve essere stabile e rapida.

Richy Garino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore