/ Salute

Salute | 22 aprile 2024, 18:14

Missione in Argentina e Paraguay per Bertolaso. Interessati oltre 500 medici e tremila infermieri

L'assessore regionale al Welfare ha illustrato i risultati dell’iniziativa finalizzata al reclutamento di personale sanitario. Entro la fine del 2024 i possibili primi arrivi

Guido Bertolaso con il ministro della Salute della Città Autonoma di Buenos Aires, Fernán González, e, sotto, con il ministro della Salute del Paraguay, María Teresa Barán Wasilchuk

Guido Bertolaso con il ministro della Salute della Città Autonoma di Buenos Aires, Fernán González, e, sotto, con il ministro della Salute del Paraguay, María Teresa Barán Wasilchuk

L'assessore regionale al Welfare Guido Bertolaso ha illustrato in conferenza stampa i risultati della missione in Argentina e Paraguay finalizzata al reclutamento di personale sanitario. Da parte delle autorità locali è stata comunicata la disponibilità di oltre 3.000 infermieri interessati e di più di 500 medici mentre direttamente in Regione sono arrivate 50 mail di professionisti che, su iniziativa personale, hanno manifestato interesse a lavorare in Lombardia. 

«Missione quella conclusa - ha ribadito - che ha come obiettivo una cooperazione bilaterale, senza creare alcuna difficoltà alle strutture locali, anzi in piena sinergia con le istituzioni argentine e paraguaiane e le associazioni di categoria del territorio. Entro dicembre potrebbero essere assunti i primi infermieri». 

È già in fase di programmazione l'indizione di un nuovo bando per medici e infermieri rivolto al personale italiano. Successivamente, qualora non dovessero essere coperti tutti i posti disponibili da parte degli infermieri italiani, si avvieranno i bandi per personale proveniente da specifiche università dei Paesi con cui si avvia la collaborazione. Si tratterà di avvisi a tempo determinato (quelli a tempo indeterminato continueranno a bandirli le singole Ats e Asst). 

Attualmente sono in programmazione corsi di formazione di italiano e aggiornamenti professionali, con riconoscimento del titolo a livello regionale, per gli infermieri che saranno interessati a venire in Lombardia

«Sappiamo bene che il livello retributivo è basso e non correlato al costo della vita - ha concluso l'assessore regionale al Welfare - in particolare nelle grandi città. Ma stiamo lavorando su incentivi economici e di altra natura. Allo studio agevolazioni nei trasporti e per la casa, agevolazioni rivolte a tutto il personale sanitario, non solo per i nuovi infermieri da arruolare».

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore