/ Calcio

Calcio | 14 giugno 2023, 07:43

Ramella e quel gol dell'ultima promozione in A del Varese: «L'urlo di Peo Maroso e l'autobianchi 112 usata comprata con i soldi dei "veci"»

Ernestino e i suoi record imbattuti: «Nel giugno '74 segnai al Catania a 18 anni nella partita che valse la massima serie e la stagione seguente realizzai anche l'ultimo gol biancorosso tra i grandi. Il Varese di oggi? Il ds Raineri e mister Cotta vanno lasciati lavorare e vanno ascoltati perché sono competenti. Qui la gente viene allo stadio se vede serietà societaria, attaccamento alla maglia e voglia di lottare su tutti i palloni. Il mio presente? Faccio il nonno e dipingo»

Tutti sul diciottenne Ramella dopo il gol dell'1-0 che spianò la strada alla vittoria sul Catania e all'ultima promozione in A biancorossa del 9 giugno '74. Sotto, invece, l'ultimo gol del Varese nella massima serie, sempre di Ernestino contro la Samp nella stagione successiva

Tutti sul diciottenne Ramella dopo il gol dell'1-0 che spianò la strada alla vittoria sul Catania e all'ultima promozione in A biancorossa del 9 giugno '74. Sotto, invece, l'ultimo gol del Varese nella massima serie, sempre di Ernestino contro la Samp nella stagione successiva

I tifosi del Varese hanno sempre voluto bene ad Ernestino Ramella, classe 1955, nato a Zinasco in provincia di Pavia ma arrivato nel vivaio biancorosso giovanissimo, dove dopo aver fatto molto bene esordisce a 18 anni in prima squadra (stagione 1973-74) giocando 8 partite e segnando 4 gol, compreso quello che spianò la strada per la vittoria del 9 giugno '74 sul Catania (2-0) che valse la promozione in serie A.

Cosa ricordi di quel momento?
Sono passati tanti anni, forse troppi, ma ogni tanto ricordo quel momento magico risentendo la voce di mister Maroso che mi gridò con tutta la forza che aveva nei polmoni: "E vai, bravo il mio Ramellino...". Questo è un urlo che non dimenticherò mai.

Cosa accadde negli spogliatoi?
Ho immagini confuse perché c’erano tante persone e gli spazi erano stretti... Allora gli spogliatoi erano posizionati sotto la curva sud ed erano molto angusti. Posso dire che il premio promozione ricevuto grazie ai "veci" furono dei soldi con cui riuscii a comprare un'autobianchi 112 usata.

Ricordi l'esordio in serie A?
Avevo 19 anni, era il 6 ottobre 1974 e giocavamo al Franco Ossola contro l’Inter, a cui rifilammo due belle reti, mandando lo stadio in visibilio. Poi la stagione andò storta: giocai 12 partite, finimmo in coda alla classifica e retrocedemmo. Però partecipai alla goleada interna contro la Sampdoria (4-0), dove segnai l'ultimo gol del Varese nella massima serie. Che strano destino: gol promozione in B e ultimo gol in serie A. Un record ancora imbattuto.

Che rapporto avevi con i tifosi?
Varese è sempre stata una piazza tranquilla, senza eccessi particolari. Il tifoso varesino si appassiona al bel calcio e viene allo stadio volentieri se vede impegno, serietà societaria, attaccamento alla maglia e voglia di lottare su tutti i palloni.

Futuro dell'attuale società?
Il mio grande augurio è che si torni in serie B e che il mio record venga battuto. La dirigenza attuale sta "rivoluzionando l’ambiente"... Certo i soldi sono necessari, ma ci devono essere anche progettualità, competenza, lungimiranza e collaborazione tra il presidente e lo staff dirigenziale con allenatore e direttore sportivo che devono poter operare e fare risultato. Il calcio è bello se c'è il risultato e la gente va allo stadio se vede vittorie e buon gioco: questa è la regola.

Il nuovo direttore sportivo è Davide Raineri, Corrado Cotta è il mister: che ne pensi?
Li conosco bene, abbiamo collaborato per anni: vanno lasciati lavorare e bisogna accettare i loro consigli perché a mio avviso sono molto competenti.

Cosa ti manca di quei tempi da calciatore?
Ahimè la gioventù, lo spirito di gruppo, l’amicizia che si creava al collegio De Filippi e i lunghi ritiri, che spesso superavano i 30 giorni. Le amicizie che ho stretto allora grazie al calcio sono ancora vive nel mio cuore e con molti ex compagni ci sentiamo e ci vediamo regolarmente.

Cosa fa oggi Ramellino?
Il nonno a tempo pieno, coltivo relazioni, seguo alcune partite e dipingo. Ho ritrovato  durante la pandemia la mia grande passione giovanile che con il calcio avevo messo da parte. 

A quando una tua personale mostra?
Per il momento non ci penso, prima di fare qualcosa sentirò il parere dei miei figli e di mia moglie. Intanto i miei quadri li regalo agli amici, poi qualcuno lo darò anche in beneficenza.

Claudio Ferretti


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore