/ Basket

Basket | 28 gennaio 2023, 22:40

Corri, corri in difesa: Varese ora fa più paura del lupo

IL COMMENTO DI FABIO GANDNI - L’effetto sorpresa è svanito per sempre: Trento e Brescia sono state un sostanzioso assaggio di ciò che attenderà la Openjobmetis nel girone di ritorno. Stavolta però i biancorossi hanno brillantemente superato il primo di quattordici, difficili esami: con la pazienza, con la capacità di adattamento e con una caratteristica che solo chi vuole diventare grande possiede

Foto di Fabio Averna

Foto di Fabio Averna

Trento più Brescia: un assaggio sostanzioso di ciò che ci aspetterà su tutti i parquet della Serie A nel girone di ritorno.

Varese ora fa più paura del lupo. L’effetto sorpresa è svanito per sempre e da qui in poi sarà solo un ricordo: nessuno degli allenatori avversari potrà andare nel proprio letto sereno alla sera se contro la Openjobmetis non avrà provato a fare certe cose.

Quali? Bloccare la transizione offensiva della squadra di Brase, innanzitutto. Guardare oggi Alessandro Magro per credere: un assatanato sulla linea laterale nel chiamare ad ampi gesti il ritorno dei suoi nella metà campo difensiva, soprattutto durante il primo quarto. Chi affronta Varese, ora, sprinta in retroguardia come se non ci fosse un domani, addirittura rinunciando a volte a mandare uomini a rimbalzo offensivo per evitare che vengano infilati dalla contro-corsa avversaria.

E poi i falli spesi, sempre a bloccare ritmo e folate. E la guardia speciale appiccicata su Ross, costretto a pensare molto di più a cosa fare con la palla in mano rispetto a prima.

Per tutti questi motivi il successo ottenuto al cospetto della Germani vale tanto. Vale una prova di maturità, vale un salto di qualità, vale una lezione imparata dopo Trento, vale il primo esame superato dei quattordici che ancora attendono al varco.

Non ci saranno più, probabilmente, valanghe di punti segnati (80 oggi, 80 contro la Dolomiti Energia): ci sarà un nuovo modo di conquistarsi il pane e la stessa possibilità di esprimere il proprio gioco. Ovvero la pazienza, la capacità di adattamento. E la difesa, tanta difesa, in attesa del momento in cui tornare ad azzannare.

E allora, in una ex squadra sorpresa che ora vuole diventare grande splendono meravigliosamente i tre sfondamenti presi da Ross e i tentativi di tenere il suo corpo sempre davanti alle penetrazioni altrui. Splendono gli “ombrelli” di Owens, a oscurare il sole altrui: sta crescendo il nostro centro, sempre di più, al netto di qualche errore di posizione che ancora si ammira. Splendono i rimbalzi, splendono i sacrifici difensivi di De Nicolao, di Brown e di Woldetensae, splende l'aver imparato a gestire il ritmo una volta accumulato il giusto vantaggio (oggi pure troppo, vedi un ultimo quarto catatonico nel quale si è inutilmente rischiato di mettere in discussione una contesa già vinta).

Un ultimo dato per un ultimo applauso: 27 canestri, 21 assist. Dicono che il basket sia uno sport di squadra…

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore