/ 

| 04 febbraio 2022, 08:45

STADIO APERTO/ «Siete i nostri giocatori, non fatevi menate. La vicenda societaria si risolva presto anche per rispetto a voi»

Nella puntata con Giovanni Castiglioni e Marco Grecchi l'analisi sui risultati insoddisfacenti rispetto alle prestazioni, ma anche un'appassionata dichiarazione di sostegno ai tigrotti: «Dobbiamo essere tutti dalla stessa parte». L'appello vibrante di Daniele De Grandis, la possibile svolta con Pesenti e un ricordo del passato per spronare i ragazzi: con i valori si battono tutte le difficoltà, lo dimostrò 11 anni fa mister Novelli

STADIO APERTO/ «Siete i nostri giocatori, non fatevi menate. La vicenda societaria si risolva presto anche per rispetto a voi»

Progressi sul campo, sì, ma che non fanno intravedere ancora la destinazione tanto attesa: vittorie, uguali a un raggiungimento della salvezza meno tortuoso e sofferto. Al centro delle riflessioni giovedì sera a Stadio Aperto soprattutto la gestione delle partite e poi la questione societaria enigmatica, come l'ha definita il giornalista Giovanni Castiglioni, a Stadio Aperto con Marco Grecchi. 

Ma uniamo proprio due frasi dei nostri due ospiti. «Sono i miei giocatori - esprime con forza il tifoso Grecchi - Quando sono allo stadio per quei 90 minuti, conta solo quello».  

E Castiglioni consegna un altro messaggio: «Pesenti ha parlato di ignoranza calcistica. Per  me significa non farsi tante menate, il giocatore a volte si blocca nelle scelte sentendosi condizionato. Abbiamo bisogno di giocatori così senza mettere addosso l'idea del Messia. Questa squadra si salverà, credo, anche magari ai playout o per poco». 

Proprio Castiglioni ricostruisce che nelle ultime 13 partite la Pro ha vinto una sola volta, è stata per 261 minuti in vantaggio, per 251 in svantaggio... C'è difficoltà a gestire i 90 minuti». Conferma Marco Grecchi: «La sfortuna non può spiegare tutto... Si è visto più gioco, Ferri è una scoperta molto piacevole».

Ma bisogna andare in rete, anche contro i pensieri. 

I nostri giocatori: vibrante in questo senso l'appello di Daniele De Grandis. Non pensate a niente, o meglio a qualcosa che 11 anni fa servì a fare una grande stagione contro tutto e tutti, anche se non con il risultato sperato: riecheggia una frase calzante di Raffaele Novelli, l'allenatore che per salvare la Pro occupò lo stadio con i ragazzi. Era una situazione più gravosa di adesso, ma ieri sera un messaggio viene consegnato anche sul versante societario: «Fate presto, fate il bene della Pro Patria».

Della città, dei tifosi, ma prima di tutto di questi ragazzi, così giovani, che a Busto pensavano di aver trovato un luogo speciale dove coltivare i propri talenti e i propri valori. Lo devono poter pensare ancora e consegnarci, consegnarsi la salvezza.

GUARDA LA PUNTATA

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore