/ Varese

Varese | 30 maggio 2024, 09:56

Addio a Enrico "il Magno" Magnani. «Grande, forte e in battaglia fino alla fine»

In tanti ricordano una persona speciale simbolo di passione e varesinità. Una volta disse: «I nostri social erano i bar del centro, piazza Monte Grappa, corso Matteotti, lo stadio, la curva, il palazzetto, La Gatta. Gli amici erano veri, reali, non distanti o virtuali». L'ultimo saluto a Enrico, classe '59, sabato alle 10.30 nella chiesa del Lazzaretto a Belforte

Il sorriso indimenticabile di Enrico "Il Magno" Magnani

Il sorriso indimenticabile di Enrico "Il Magno" Magnani

In tanti vorrebbero poterlo ancora abbracciare: c'è chi lo ringrazia per essere stato un esempio di generosità anche nei momenti difficili vissuti, «una grande persona» che ha lottato fino alla fine e chi, semplicemente, lo saluta perché con lui non c'è mai stato bisogno di aggiungere troppe parole.

Enrico "il Magno" Magnani, classe 1959, se ne è andato così, dopo una vita in cui ha lasciato una traccia indelebile in chi lo ha conosciuto e in cui altrettanto certamente non si è mai nascosto, dando battaglia fino all'ultimo centimetro. «E ti dicevo di no, che alla fine la si portava a casa. E invece purtroppo avevi ragione tu. Riposa in pace amico mio» è uno dei messaggi più intimi e sinceri, rivolto da Loris al caro amico.

Noi che, come tanti, lo abbiamo conosciuto da tifoso - era uno di quei tifosi forti, fedeli, duri e puri, non solo della sua amatissima Inter - non potremo dimenticare le sue parole scritte nel momento dell'addio a Fausto Scarpazza, nel luglio 2019, in cui c'era molto di lui, sicuramente la capacità di essere schietto, diretto e autentico come pochi: «I nostri social erano i bar del centro, piazza Monte Grappa, corso Matteotti, lo stadio, la curva, il palazzetto, La Gatta. Gli amici erano veri, reali, non distanti o virtuali. Oggi gli stessi amici di allora ci muoiono davanti agli occhi nel silenzio più roboante, nello stupore e nell'indifferenza. Questo mondo dove diventa più importante l'apparire che l'essere non mi piace più».

«Perché te ne vai», è il messaggio che racchiude tutto per il Magno che riceverà l'ultimo saluto sabato alle 10.30 alla chiesa del Lazzaretto, nella sua Belforte.

A.C.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore