/ Territorio

Territorio | 06 luglio 2021, 11:55

Cittiglio capitale del ciclismo dedica un monumento al suo campione Alfredo Binda

La scultura realizzata dall'artista Pietro Scampini verrà inaugurata il prossimo 18 luglio ed è stata collocata nella piazza che porta il nome del campione cittigliese, vicino al museo e alla stazione

La scultura dedicata ad Alfredo Binda

La scultura dedicata ad Alfredo Binda

Cittiglio rende omaggio al suo campione, a quell'Alfredo Binda, mito del ciclismo, per il quale il paese è famoso dappertutto. 

Una scultura dedicata a Binda è stata posata in questi giorni nella piazza che porta il suo nome e che si trova vicino al museo intitolato al campione e alla stazione ferroviaria, un luogo nevralgico di passaggio. Nei prossimi giorni, l'opera realizzata dallo scultore Pietro Scampini di Castronno, verrà verniciata e anche l'aiuola circostante verrà sistemata, pronta per l'inaugurazione prevista per il 18 luglio alle 11. 

Data significativa quella del 18 luglio, visto che il 19 luglio ricorre il giorno della morte di Binda, che morì nel 1986 sempre a Cittiglio, paese dov'era nato l'11 agosto del 1902. Sempre il prossimo 18 luglio, verrà organizzata anche una pedalata "sulle strade di Alfredo Binda".

Cittiglio insomma si conferma capitale del ciclismo, perché oltre ad aver dato i natali a Binda, ogni anno ospita una gara internazionale di ciclismo femminile; la scultura è stata fortemente voluta dal Comune e dal sindaco Fabrizio Anzani.

«E' da un anno e mezzo che lavoriamo a questo progetto - spiega il primo cittadino - si tratta di un piccolo omaggio ad Alfredo Binda e al ciclismo che abbiamo voluto collocare in un punto focale per la mobilità e la vita di Cittiglio, dove si trovano la stazione, il museo, la ciclabile, dove passa il pullman e dove da poco sono state collocate le colonnine per la ricarica di mezzi elettrici e dove poco distante si possono noleggiare le bici. Tutto questo concorre anche alla promozione turistica e del nostro territorio che si trova tra il lago e la montagna».

Non è un caso che Cittiglio sia famoso un po' ovunque come il paese "del Binda" e per essere una sorta di piccola capitale del ciclismo su cui l'amministrazione comunale ha sempre investito. «Voglio ringraziare l'azienda del nostro territorio che ha pagato interamente i costi del monumento - prosegue Anzani - lo scultore Pietro Scampini, l'ex presidente del museo Gianluigi Simonetta e tutti coloro che hanno collaborato a questo progetto».

Il sindaco in scadenza del suo secondo mandato lascia qualche idea alle amministrazioni comunali che verranno, sempre a proposito di promozione del territorio e della figura di Binda. «Sarebbe bello allestire un museo digitale all'aperto dove attraverso un Qr Code sul telefonino si possa usufruire delle immagini e dei contenuti presenti nel museo Binda che così di fatto sarebbe sempre aperto - conclude Anzani - oppure pensare di proiettare di sera e di notte delle immagini di Binda sui muri della stazione». 

 

 

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore