/ Basket

Basket | 14 giugno 2021, 15:45

Bandiera ammainata? No, per sempre bandiera. Ferrero resta a Varese

Il capitano sarà per altri tre anni il simbolo della società biancorossa e di una città che ama il basket. Solo dieci giorni fa era praticamente un ex, poi la Pallacanestro Varese ha meravigliosamente ritrovato la strada maestra, quella che va a tutelare i valori più importanti, anzi fondamentali

Bandiera ammainata? No, per sempre bandiera. Ferrero resta a Varese

La più grande bandiera dell’era moderna è una sorta di sopravvissuto. Un miracolato. Uno di quelli che, dopo aver toccato la porta del mondo dei morti, la richiudono e tornano in vita, lasciando senza spiegazioni anche chi sarebbe deputato a darle. 

Nel suo caso il viaggio di ritorno - dalla morte di una storia d’amore e di identificazione sportiva senza pari nell'epopea cestitica locale del terzo millennio - è accaduto tre volte. Non ci si crederebbe, per uno così amato, così importante, così capitano, così varesino pur senza esserlo, vero? Eppure è così. 

La prima qualche mese dopo essere arrivato sotto al Sacro Monte, nella stagione 2015/2016: messo in fondo alle rotazioni da Paolo Moretti, a “salvarlo” furono le sue prestazioni da bello di notte (alla Zibì Boniek) in Fiba Europe Cup, avventura che - anche grazie a lui - arrivò a una quarantina di secondi dal titolo. La seconda due estati in seguito: il general manager Claudio Coldebella aveva già comprato il biglietto del treno, e non per se stesso: per la bandiera. A nulla era valso un altro giro di giostra, da protagonista, sul campo. Quella volta a intervenire fu l’amministratore delegato Fabrizio Fiorini, uno che di solito si occupava di conti, più che di ali piccole o grandi. Di solito, ma non nel caso di specie.

E infine una decina di giorni fa, quando, per qualche ora, Giancarlo Ferrero è stato un ex giocatore della Pallacanestro Varese

Lui e i dirigenti biancorossi si erano incontrati dopo un lungo periodo di silenzio e di sguardi che sapevano di doversi dire qualcosa ma non ne trovavano il coraggio. Anche perché quel qualcosa era una cosa parecchio difficile da dire. Una cosa che suonava più o meno così: Giancarlo, per te qui non c’è più spazio. La frase, sognata come un incubo nei giorni dell’attesa senza comunicazioni, era infine arrivata nel meeting suddetto a trafiggere il (anzi l’ex) capitano come la lama di un pugnale dentro al costato: Giancarlo, per te qui non c’è più posto, se non in forme, ruoli ed emolumenti incompatibili con la definizione sia di “giocatore vero”, che di “capitano”, che di “bandiera”. E infatti anche Pallacanestro Varese tali forme non aveva nemmeno provato a offrirle veramente: meglio dirsi addio.

Davanti alla sovrabbondanza di ali rinvenuta nel roster e a quel contratto che consentiva una facile uscita, tutto aveva perso improvvisamente di valore. Tutto. Se non nei sentimenti, nella realtà dei fatti. Svaniva l’atleta che aveva dimostrato con fatica, sudore e prove convincenti di meritarsi la massima serie dopo mezza carriera passata nel secondo campionato; l’ala piccola diventata senza paura ala forte tattica per azzardo di un allenatore - Attilio Caja - che su di lui aveva basato la rinascita biancorossa e lo aveva eletto capostipite di un'era operaia, fragrante e orgogliosa; il tiratore mancino che trafiggeva i canestri dall’angolo. E svaniva l’uomo che con i suoi sorrisi, i suoi “sì”, la sua semplicità, la sua serietà aveva saputo in sei anni conquistare una città intera. Uno per il quale la Pallacanestro Varese era - semplicemente - tutto: che si trattasse di fare uno scivolamento difensivo in campo, firmare un autografo a un tifoso, mettere la faccia davanti a un giornalista in un momento buio o prestare la propria immagine per il bene biancorosso.

Giancarlo Ferrero era Varese. Anzi no, a quel punto non lo era più.

Chi ha cambiato il corso della storia? È stato il coach in pectore, Adriano Vertemati, che prima di sbarcare a queste lande ha voluto sincerarsi di non perdere una chiave che avrebbe potuto aprirgli tante porte, sia tecniche che ambientali? È stata la proprietà, normalmente avulsa a questioni tecniche, a far sentire la sua saggia voce davanti a un addio choccante? Ci ha messo lo zampino Luis Scola, presente e - chissà se futura - eminenza grigia del sodalizio?

Quel che conta di più, però, è il senso generaleal cospetto dell’evenienza di perdere Giancarlo Ferrero, Varese ha ritrovato una meravigliosa strada maestra, come solo chi ha in mente quali siano i valori più importanti da salvaguardare sa fare.

Il resto lo ha fatto Giancarlo, perché per avvicinarsi tutti devono fare un passo. Che lui l'abbia compiuto, tuttavia, non è una sorpresa: a lui bastava solo chiedere, perché non aspettava altro. Lui, lontano da Varese, non si è visto nemmeno per un secondo.

Da bandiera ammainata a per sempre bandiera. Nei prossimi tre anni, quelli che verranno vergati sulla scadenza temporale del prossimo contratto, il cielo della Varese del basket avrà di nuovo i colori di casa.

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore