/ Basket

Basket | 13 settembre 2020, 22:49

IL COMMENTO DI FABIO GANDINI La prima del Bullo, tra pennellate tecniche, attacco spumeggiante e una beffa evitata

L’esordio del nuovo coach: il dialogo continuo con i suoi play, i disappunti boffonchiati, i pick and roll e un attacco spumeggiante. Ma anche una difesa da registrare: non si potranno sempre vincere le partite segnando un punto in più…

Massimo Bulleri durante uno dei suoi primi timeout all'Enerxenia Arena nella foto di Alberto Ossola - Pallacanestro Varese

Massimo Bulleri durante uno dei suoi primi timeout all'Enerxenia Arena nella foto di Alberto Ossola - Pallacanestro Varese

La prima del Bullo (leggi QUI le pagelle e guarda QUI la fotogallery) è il tipico alito di vento contrario che soffia dopo gli uragani: lo senti, lo confondi, lo risenti, lo confondi. È lieve rispetto alla tempesta. C’è, non sposta, ma c’è. 

La prima del Bullo è quella mappa che sovviene in tuo aiuto dopo che hai smarrito una strada che credevi di aver imparato a memoria: la studi e riparti a camminare

La prima del Bullo è un equivoco che finisce, un incipit che chiarisce, un titolo che arriva prima del testo.

La prima del Bullo è in una corsa dentro il campo a dare un’indicazione, è un dialogo continuo con  i suoi registi, per ora epigoni di un’arte che lui ha interpretato con maestria per 20 anni, è qualche disappunto boffonchiato tra sé e sé, è un cinque non lesinato a nessuno al ritorno in panchina.

La prima del Bullo è qualche appunto tecnico a un’enciclopedia scritta in anni di lavoro: la palla più in mano a Ruzzier, pick and roll più frequenti, meno “prigionieri” dei e nei giochi. Sono solo pennellate, leggere: a volte non sai nemmeno se sono vere o sono i tuoi occhi ad averle immaginate con la complicità di un cervello che cerca discontinuità anche dopo non può trovarla. Il quadro, però, è ancora di un altro pittore.

La prima del Bullo è giocare a farne uno più degli avversari. Divertente, certo. Pericoloso, pure. 102 punti segnati, percentuali di rilievo (70% da due e 44% da tre), gran ritmo, soluzioni variegate e uno show individuale (quello di Scola: 27 punti in totale, 15 pressoché consecutivi nel terzo quarto) che - stavolta - si va a integrare senza sbavature nel contorno delle prestazioni di tanti compagni: quelle di un Douglas finalmente preciso e misurato, di uno Strautins alzatosi dalla parte giusta del letto, di un Morse reattivo e di un capitan Ferrero che brilla nel momento del bisogno (assenza di Andersson).

La prima del Bullo è una difesa che ha più voglia rispetto a Milano e Cantù, ma sbaglia molto. Troppo. Di concetto e di automatismi, più che (stavolta) di foga e perseveranza. I 100 punti subiti parlano da soli, ma lo fanno anche i 14 di un ultimo quarto in crescendo. Decisivi: tre in più (nemmeno i 30 subiti dopo il riposo…) e staremmo parlando di un’altra storia. Di una sconfitta. Con buona pace dei pop corn.

La prima del Bullo è allora un monito: l’attacco ti spella le mani, la difesa ti fa vincere le gare.

La prima del Bullo è una vittoria contro un avversario che fra due settimane sarà diverso: avrà i lunghi titolari, avrà più benzina nel motore delle sue stelle, avrà la fame dei due punti. Ma è anche una vittoria che rivela che con questo stesso avversario forse ce la si potrà sempre giocare: non è un’indicazione da poco. 

La prima del Bullo è una beffa evitata. Meno male: ne avevamo anche un po’ piene le tasche di essere mazziati da Brescia sempre allo stesso modo, sempre all’ultimo, sempre di rincorsa.

La prima del Bullo è solo un inizio: lo sanno tutti, lui per primo. Sospeso tra presente, passato e soprattutto futuro. 

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore