/ Sport

Sport | 26 novembre 2019, 22:02

INDIMENTICABILE. Pavoletti-gol ha compiuto 31 anni. In suo onore torniamo a parlare del Varese e di quella salvezza impossibile (video)

Il compleanno di Pavoletti serve per capire di cosa siamo stati capaci: non il secolo scorso, ma l'altro ieri. Per dare una sveglia. Per essere grati: all'attaccante più grande della nostra serie B. E al Varese, che non merita di continuare a vivere nell'oblio

INDIMENTICABILE. Pavoletti-gol ha compiuto 31 anni. In suo onore torniamo a parlare del Varese e di quella salvezza impossibile (video)

Per non dimenticare è il giorno giusto. E anche per capire di cosa siamo stati capaci: non cent'anni fa, l'altro ieri. Per dare una sveglia. Per essere grati. A Pavoletti, che oggi ha compiuto 31 anni. E anche a due parole che noi stessi avevamo promesso di non scrivere mai più in un articolo, finché non ne fosse valsa la pena. Quelle due parole sono composte da un articolo e da un nome che hanno segnato la nostra vita e quella di tanti: scaviamo allora nell'emozione del 13 giugno 2014 quando, con 4 gol su 4 nei playout dopo i 20 in campionato contro il milionario Novara (2-0 fuori, 2-2 in casa), quelle due parole cambiarono la storia di Pavoletti, perché nulla nella sua vita fu più impossibile di quella salvezza biancorossa. Quelle due parole che in suo onore oggi possiamo tornare a pronunciare dopo tantissimo tempo. Quelle due parole sono, semplicemente, "Il Varese".


Stadio Franco Ossola, venerdì 13 giugno 2014: il Varese, dopo avere avuto un piede e mezzo in serie C fino a un mese prima, va a vincere la prima partita dei playout a Novara (2-0) con doppietta di Pavoletti davanti a 9mila spettatori e poi, sempre con doppietta dell'attaccante livornese, pareggia e fa festa con i 5500 tifosi di Masnago. Ecco il commento a una delle partite più memorabili del Varese e di Pavoletti.

13 giugno 2014, stadio Franco Ossola

B come Betinelli, C come Criscitiello. Ma anche tra vent'anni, nel 2034, quel bambinetto con la maglia biancorossa che giocherà in un campetto accanto a nonno Caccianiga, al primo gol dirà al suo papà: «Voglio essere Pavoletti». Guai se lo sentisse Bettinelli, un uomo che è il Varese, nato-vissuto-morto-e-rinato con questa maglia. Un uomo che fa squadra, anzi la ricostruisce, perché se non l'avesse fatto saremmo retrocessi sul rigore dell'1-1 fallito dal Siena, o sulla traversa di Lepiller a Novara, o sul 2-1 di Gonzalez di oggi. E invece lì ci siamo salvati, sugli episodi contrari girati dal vento. E il vento nasce da dentro.

B come Bettinelli perché nemmeno dio avrebbe salvato un gruppo che arrivava sullo striscione del traguardo con 7 sconfitte consecutive. Nemmeno dio, ma Nessuno sì. Il Betti che dei Nessuno è il re. Gli amici, e le parole, decidono chi sei... Le parole del Betti, come pioggia dal cielo: implacabili perché scavano, lasciano un buco. Dentro. «Se arriva una squadra di serie A e devo ripartire dalla terza categoria con il Varese, io riparto». Oppure, alla vigilia: «Disperato non è il Novara ma il Varese. Perché, se retrocede, scompare». E' anche inutile dirgli che è confermato, perché lui non si aspetta nulla.

La serie B è stata ripresa per i capelli, prima di tutto, dalla gente. Sul 5-1 di Cittadella ha avuto paura di perderla ed è scesa in campo quasi con violenza (la violenza del cuore), riempiendo Masnago, riempiendo il Piola, riempiendo di bandiere la città. Ma, se poi sono arrivati tutti, è solo grazie a chi c'è sempre stato, a chi prendeva la pioggia e la neve da solo, tenendo accesa una scintilla: la curva Nord. Non ha mai guardato in faccia nessuno: solo la maglia.

La squadra ha seguito l'onda ma, quando ha trovato uomini veri che mantenevano la parole, si è fatta guidare da loro. La maglietta finale indossata dai giocatori "Grazie Betti" con la B gigante è un segnale. Alla società. Laurenza su questo Varese ci è morto ma, purtroppo, all'inizio si è fidato delle persone sbagliate. Quali? Tutte, o quasi... Inizia adesso la partita. Via tutti, o quasi.

Qui sotto il video della partita delle partite giocata da Leonardo Pavoletti e dal pubblico del Varese: stadio Silvio Piola, venerdì 6 giugno, andata dei playout, Novara-Varese 0-2 con doppietta dell'attaccante livornese.

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore