/ Territorio

Territorio | 01 marzo 2024, 07:00

L'omicidio di Andrea e gli arresti. La gente sotto shock: «Fatti simili non succedono più in posti degradati ma vicino a noi»

Quelle facce da bravi ragazzi, che a qualcuno sembrano anche più piccoli della loro età lasciano sgomenti gli abitanti di Fagnano in attesa dell'interrogatorio e degli sviluppi: «Qualsiasi cosa li possa aver spinti a un gesto simile non è tollerabile»

L'omicidio di Andrea e gli arresti. La gente sotto shock: «Fatti simili non succedono più in posti degradati ma vicino a noi»

C’è tanto sgomento a Fagnano Olona in questi giorni, dopo l’arresto dei due ragazzi di 20 anni sospettati dell’omicidio di Andrea Bossi. Douglas Carolo e Michele Caglioni, due facce «da bravi ragazzi», adesso si trovano nel carcere di Busto Arsizio in attesa dell’interrogatorio nelle prossime ore.

Tutti a Fagnano conoscevano Andrea, «era un ragazzo molto eccentrico, sempre solare, non l’ho mai visto arrabbiato - ricorda Patrizia Colombo, proprietaria della gioielleria in piazza Alfredo Di Dio - quando entrava qui gli chiedevo “cosa facciamo oggi?”». Sì, perché spesso lui si recava da lei per realizzare i gioielli.

«Non ci aspettavamo nei nostri paesi un fatto del genere, ci fa capire che la situazione sta degenerando, perché non succedono più in posti degradati, ma vicino a noi».

Dopo l’arresto sono tanti i commenti, dall’incredulità sulla possibilità due ragazzi così giovani abbiano potuto compiere un gesto simile, alla rabbia. Quest'ultima, perché «ragazzi che dovrebbero essere a scuola o al lavoro magari ce li troviamo che uccidono le persone».

«Hanno due facce da bravi ragazzi, non dimostrano l’età che hanno», è il commento più frequente tra i cittadini di Fagnano.

Ma il pensiero va anche ai fatti di cronaca recente che sono avvenuti in Italia: «L’età di chi compie certi fatti efferati è sempre più bassa, c’è qualcosa che non va».

Ovviamente, non mancano gli interrogativi sul perché, ma se venisse confermata in giudizio la colpevolezza dei giovani, «qualsiasi motivazione li abbia spinti a compiere un atto simile non è tollerabile».

Michela Scandroglio

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore