/ Varese

Varese | 05 novembre 2021, 11:02

L'appello di Autolinee Varesine agli studenti: «Non ammassatevi sul primo autobus, ecco le regole da seguire»

L'azienda di trasporto pubblico torna a chiedere uno sforzo in più ai ragazzi che salgono sugli autobus ogni mattina in zona stazione e in centro per garantire al meglio il servizio

L'appello di Autolinee Varesine agli studenti: «Non ammassatevi sul primo autobus, ecco le regole da seguire»

«Chiediamo ai ragazzi un po' di collaborazione»: Autolinee Varesine lancia un appello nei confronti degli studenti che alla mattina salgono sui pullman diretti agli istituti scolastici dalla zona delle stazioni e del centro verso Masnago, e la stessa collaborazione viene chiesta per quanto riguarda il percorso inverso, dopo il suono della campanella di fine lezioni.

«Al mattino, a disposizione dei ragazzi che dalla zona delle stazioni e del centro di Varese devono dirigersi verso i licei di Masnago c'è una quantità davvero notevole di autobus - scrive Autolinee Varesine - alcuni sono di colore blu (quelli abitualmente in servizio sulle linee extraurbane), che per l'occasione effettuano tale tratta urbana; altri sono quelli abituali di colore arancione».

«Tutte le corse partono dalla stazione tra le 7.25 e le 7.40, transitando dal centro poco dopo - prosegue l'azienda di trasporto pubblico - Chiediamo quindi ai ragazzi un po' di collaborazione: evitate di ammassarvi tutti sul primo autobus; cercate inoltre di utilizzare essenzialmente queste corse dirette e non quelle della linea E in direzione Palasport/Piatti, le quali sono fondamentali anche per molti altri utenti».

«Stessa cosa al ritorno - conclude Autolinee - fuori dai licei, per ciascuna uscita, c'è un'ampia scelta di autobus a disposizione. Cercate di dividervi equamente e di lasciare le corse di linea (come la E, o la P) per le altre tipologie di utenza che ne hanno bisogno. Grazie a tutti».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore