/ Calcio

Calcio | 14 maggio 2021, 16:05

I problemi del Franco Ossola non sono il padel e la pista del ghiaccio ma l'inagibilità e l'incuria. Che arrivano da lontano

Bagarre politica sugli eventuali "insediamenti" all'antistadio che "impedirebbero al Varese di tornare nel grande calcio" ma la questione è tutt'altra: gli spalti sono già inagibili, tribuna a parte. Per riaprire distinti e curva sud in serie D basterebbe poco, in C un po' di più: guardiamo a oggi e domani, prima che a dopodomani

Una bandiera biancorossa sul pennone dei distinti allo stadio Franco Ossola, attualmente inagibili. Pensiamo a riaprirli, prima che al grande calcio

Una bandiera biancorossa sul pennone dei distinti allo stadio Franco Ossola, attualmente inagibili. Pensiamo a riaprirli, prima che al grande calcio

Sull'agibilità e sulla cura del Franco Ossola in pochi possono dare lezioni, forse nessuno. Gli ultimi a poterlo fare, probabilmente, sono Riccardo Sogliano che quindici anni fa mise lo stadio di Varese al centro di un progetto vero e concreto, il primo in Italia con investitori già pronti - poi arrivarono la Juve, l'Udinese, l'Atalanta... - a costo zero per l'amministrazione e la collettività, venendo rispedito misteriosamente o non troppo al mittente, e poi l'ex dirigente Massimiliano Di Brogni che, grazie alla straordinaria capacità di rapporto e convincimento, in particolare con l'allora questore Marcello Cardona, riuscì a ottenere deroghe alla capienza per disputare i playoff promozione in serie B e, poi, raggiunto nel 2010 l'obiettivo atteso da 25 anni, pure di continuare a giocarci con minimi lavori indispensabili dell'amministrazione soprattutto nei distinti

Da allora ai giorni nostri è meglio stendere un velo pietoso, a parte il piccolo seme di speranza gettato dall'attuale dirigenza biancorossa con la pulizia e la messa a norma dell'ex casa del custode e dell'area verde attigua - già ora ha un aspetto dignitoso - che dall'ingresso conduce al campetto in sintetico dietro alla tribuna. Le dirigenze precedenti, compresa l'ultima in serie B, si sono distinte per grandi promesse a cui, invece dei fatti, sono seguiti i fallimenti: dall'iperbolica e lunare copertura dei distinti all'avvicinamento delle curve al campo, si è sempre partiti dal tetto - cioè dallo stadio - invece che dalle fondamenta, cioè dalla solidità economica e dagli investimenti. Senza quelli, il resto è aria fritta. 

Ieri sera in consiglio comunale abbiamo ascoltato parole tra lo sdegno e l'abiuria nei confronti dell'ipotetica posa della pista del ghiaccio provvisoria e dei numerosi campi da padel nell'antistadio, proposta dall'attuale amministrazione. Non entriamo nel merito politico della questione anche se lo stadio si chiama stadio perché si gioca a calcio, non a padel o a hockey, ma in quello pratico sì. Dietro i distinti si potrebbe ospitare perfino il luna park, in questo momento: non è  questo il problema che impedirebbe al Varese di tornare nel "grande calcio" come è stato ventilato (leggi QUI). Come non lo sarà la fissazione per il padel di pochi intimi, con tutto il rispetto per il padel e per la nicchia che lo pratica.

Il problema è un po' più grande e serio: il Franco Ossola è inagibile oggi e lo sarà domani, perfino con il ritorno del pubblico dalla prossima stagione in serie D, visto che solo la tribuna attualmente può ospitare spettatori. Altro che ritorno nel grande calcio. I campi da padel sono solo il dito che nasconde la luna.

Prima di parlare di grande calcio, bisognerebbe essere umili, pratici e realistici: l'anno prossimo in serie D, visto che il Varese si salverà e farà la serie D, basterebbe poco (qualche decina di migliaia di euro in tutto) per riaprire curva sud - il settore ospiti è obbligatorio - e i distinti.

Per quanto riguarda la serie C e il professionismo, servirà tempo: ma, se reggesse l'asse tra l'amministrazione - di qualunque colore essa sia - e il club biancorosso, nessun problema sarebbe insormontabile. Il dialogo apre le porte, la guerra le chiude anche se a Varese a volte siamo specialisti nell'imboccare la terza via, quella di mezzo, e ci fermiamo nel buco della serratura. Rimanendo con le mani in mano, al massimo con una racchetta e una pallina.

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore