/ Basket

Basket | 14 aprile 2021, 07:30

Oggi i funerali di Dodo Colombo. Il ricordo di Recalcati: «La nostra amicizia nata sotto la Stella di Varese»

Le esequie si terranno alle 15 nella chiesa della Brunella. Il coach dello scudetto 1999 ha ricordato il suo vice nella puntata de l’Ultima Contesa: «Da giocatore e avversario avevo assaggiato i suoi proverbiali gomiti, da allenatore è stato un vero istruttore. È stato Dodo a completare Santiago nel 1999: lui e Mrsic gli sono sempre stati grati»

Oggi i funerali di Dodo Colombo. Il ricordo di Recalcati: «La nostra amicizia nata sotto la Stella di Varese»

Si terranno oggi alle 15 nella chiesa della Brunella i funerali di Dodo Colombo, coach varesino conosciuto e amato, scomparso domenica all’età di 79 anni.

Nelle ultime 48 ore il mondo del basket varesino e italiano ha ricordato con affetto e cordoglio quello che da tutti è stato definito un “maestro di pallacanestro”. E lo ha fatto - nel corso della 23° puntata de l’Ultima Contesa - anche Carlo Recalcati, collega e amico che con Colombo aveva prima diviso i campi da avversario (quando erano giocatori) e poi aveva condiviso l’impagabile gioia dello Scudetto della Stella varesino, sulla stessa panchina, l’uno da capo e l’altro da vice.

«L’ho sentito fino agli ultimi giorni - ha raccontato Recalcati - Era provato, ma voglioso di reagire, di uscire dall’ospedale e di tornare autonomo. Non mi aspettavo questa brutta notizia».

«Eravamo quasi coetanei, ci eravamo conosciuti da giocatori e come tanti avversari avevo assaggiato i suoi proverbiali gomiti. Dopo ci siamo ritrovati nella grandissima esperienza di Varese e sono stati due anni di una collaborazione bellissima ma soprattutto di una conoscenza reciproca più approfondita, tale da costruire un rapporto che è andato al di là del campo. Da lì non ci siamo più persi di vista. E con il gruppo della Stella ci ritrovavamo prima di ogni Natale, tutti insieme».

«Dodo era un istruttore. Il suo modo di allenare era indipendente dalla categoria in cui allenava, perché lui partiva dal presupposto che il giocatore dovesse migliorare, indipendentemente dal fatto che avesse 14 o 34 anni, che fosse un ragazzino o un campione della Serie A. Dodo sapeva che se si voleva avere la possibilità di affrontare le varie situazioni di gioco, era necessario possedere gli strumenti per farlo. E lui era capace di darteli».

«Fu lui a “completare” Daniel Santiago (centro portoricano arrivato a Varese in quel magico 1999 e forgiato dagli allenamenti di Colombo ndr). E Daniel gli è sempre stato grato per questo: lo chiamava spesso, anche negli ultimi tempi. E così Veljko Mrsic: entrambi lo ricordavano con grande affetto».

 

Di seguito vi riproponiamo anche la puntata integrale de l’Ultima Contesa. Ospiti i giornalisti Flavio Vanetti e Luca Corsolini: il giorno dopo la sfida Caja-Varese, la corsa salvezza e il futuro della Serie A gli argomenti principali trattati.

 

F. Gan.


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore