/ Varese

Varese | 18 novembre 2020, 16:01

Il "cantiere politico" di Galimberti si allarga. Nasce Collettiva: un nuovo punto di vista sulle politiche sociali in città

Il gruppo di giovani lavora per la rielezione di Davide Galimberti, ma soprattutto «per cambiare la città di Varese, per portare idee e pratiche nuove in un dibattito ingessato e autoreferenziale, per far emergere visioni e persone che non sono rappresentate nel racconto della città»

Il "cantiere politico" di Galimberti si allarga. Nasce Collettiva: un nuovo punto di vista sulle politiche sociali in città

Sono un gruppo di giovani, tra i 25 e i 30 anni, attivi del mondo del volontariato cittadino e che ora, complice anche l'emergenza sociale che il Coronavirus ha aggravato, hanno deciso di darsi un nome - Collettiva -, un logo  - che ha nell'asterisco il richiamo alle note e quindi ai margini delle questioni - e un obiettivo: riportare nel dibattito politico temi che hanno perso centralità e le persone che sono "fuori dai margini".

«Ci siamo ritrovati intorno all'idea di riportare al centro del dibattito le persone e i loro bisogni - spiega Andrea Cazzolaro a nome del gruppo - Iniziamo da qui, per proporre un nuovo punto di vista sulle politiche sociali in città. Un antidoto a chi usa la parola "degrado" come uno slogan, un alibi per celare l'inconsistenza della propria visione». Perché nel degrado si nasconde il disagio, che va affrontato prima di tutto con adeguate politiche sociali.

«L’asterisco nel nostro simbolo, proprio come per le note, rappresenta i margini e proprio i margini sono dove ci interessa andare. Lì ci sono le persone escluse, che raccontano una realtà che a troppi dà fastidio. Ci sono gli argomenti considerati meno importanti, come l’ambiente o la cultura, che invece si rivelano essere fondamentali per la qualità della vita dei cittadini. Di fronte a una politica che crede solo in ciò che conviene, i margini rappresentano anche i confini da superare per poter tornare a solcare il mare del cambiamento».

Un cambiamento che sperano possa avvenire all'interno del "cantiere politico" di Davide Galimberti, alla cui rielezione vorrebbero contribuire. «Collettiva nasce per cambiare la città di Varese, per portare idee e pratiche nuove in un dibattito ingessato e autoreferenziale, per far emergere visioni e persone che non sono rappresentate nel racconto della città. Consapevoli che le buone idee non bastino abbiamo deciso di fare un passo in più: ci faremo avanti nella competizione elettorale». 

Nel video qui sotto il loro manifesto politico. «Stiamo lavorando ad un programma e siamo aperti a qualsiasi contributo. Sono giorni dominati dall’inquietudine per la crisi sanitaria ed economica. In questa grande difficoltà vogliamo aggrapparci alla nostra voglia di pensare alla città e ai suoi bisogni. Crediamo che il miglior modo per uscire da tempi che non ci piacciono sia preparare tempi migliori».

Valentina Fumagalli


SPECIALE ELEZIONI 2021 - VARESE
Vuoi rimanere informato sulla politica di Varese in vista delle elezioni 2021 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE POLITICA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE POLITICA sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore