/ Sport

Sport | 01 luglio 2020, 07:35

Al Franco Ossola falciano l'erba: sta tornando il Varese? Oggi i biancorossi possono essere in serie D

Un lettore ci invia l'immagine dell'impressionante taglio dell'erba nel campo che fu di Maroso, Bettega e Anastasi proprio nel giorno decisivo per il ritorno della serie D a Masnago. Nato (rinato) il primo luglio? «Il sogno è una squadra di varesini che parta per salvarsi. Poi si vedrà...»

Al Franco Ossola falciano l'erba: sta tornando il Varese? Oggi i biancorossi possono essere in serie D

Nell'immagine della decadenza filtra un raggio di speranza: e così, mentre un lettore appostato chissà come sui gradoni dei distinti ci invia l'impressionante "falciata" del fieno nel campo semiabbandonato che fu di Picchi, Gentile, Maroso, Sogliano, Anastasi, Zecchin, Neto e Pavoletti ma anche di Liedholm, Sannino e Maran, potrebbe arrivare la notizia del ritorno in serie D del Varese, anzi del Città di Varese. 

Non ci sarà da stupirsi, visto che il Varese è sempre stato tutto o niente, fine e inizio, terra e aria, e che è sempre tornato quando nessuno se l'aspettava, o morto quando tutti non se lo sarebbero immaginato: vento delizioso e crudele, una squadra tremenda, estremista, imprevista (dagli altri) e imprevedibile come potrebbe esserlo anche stavolta seguendo la regola storica che dal 1910 l'accompagna, facendosi destino. Una regola che dice: ogni 5 anni cambia la storia. E oggi il Varese potrebbe ritrovarsi in serie D: nato-rinato il primo luglio, invece che il 22 marzo 1910. Se lo meriterebbe, ce lo meriteremmo.


«La pazienza è la virtù dei forti» sarebbero le prime parole dette oggi da chi avesse voglia di riportare Varese e il Varese un po' più vicino a casa, sicuramente allo stadio, titolo di una storia già scritta ma anche tutta da scrivere

Respinto e osannato, amato e odiato, invidiato ed esecrato, il biancorosso merita soltanto una possibilità che faccia rima con varesinità. E con quella frase che Peo Maroso, se potesse, direbbe anche oggi come faceva in serie A o in C2 o in Eccellenza, e che speriamo ripeta anche il prossimo presidente: «Partiamo per salvarci, poi si vedrà». In quel "poi si vedrà" c'è l'essenza del Varese: avventura,  umiltà, sfida, "impossibilità". 

«Mandiamo in campo una squadra di varesini in serie D, e poi vediamo come finisce» aggiungerebbe, anzi aggiunge, uno dei numi tutelari biancorossi, e non si tratta di un ex dirigente ma di un tifoso, seppur grande. Varesini come Simonetto, come Neto, magari come Di Sabato, come Beretta e come tutti i piccoli, grandi uomini che hanno incarnato il biancorosso quando non esisteva più nemmeno una società, un campo, un campionato.

Di sicuro, la strada è tracciata: nelle stelle, nel destino, nella regola dei cinque anni. Ma soprattutto nei tifosi. E nella storia: il Varese è di tutti quelli che lo amano e che lo seguono ma anche di quelli che non l'hanno più seguito, pur amandolo a distanza. Il Varese è di tutti. E proprio per questo merita, almeno, la serie D. Poi si vedrà.

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore