/ Storie

Storie | 30 gennaio 2020, 15:12

L'addio commosso di tutta Busto a Carla Mocchetti. «Lassù starà raccontando la storia di Sant'Edoardo in dialetto bustocco»

L'ultimo saluto alla poetessa scomparsa a 90 anni: il fratello Antonio ha letto un emozionante messaggio culminato con i suoi versi. E così ha fatto ul Pedèla con “Chel cha ma piasi”

L'addio commosso di tutta Busto a Carla Mocchetti. «Lassù starà raccontando la storia di Sant'Edoardo in dialetto bustocco»

Carla su dal Buon Dio a raccontargli la storia di Sant’Edoardo in rigoroso dialetto bustocco. Quest’immagine, consegnata dall’ex parroco don Giovanni Mariano, ha portato il sorriso in un addio molto commosso a Carla Mocchetti, celebrato da don Giorgio Zordan.
In tanti hanno voluto partecipare all’ultimo saluto giovedì mattina a Busto Arsizio. Antonio, fratello della poetessa, scomparsa a 90 anni, ha letto un intenso messaggio, culminato con i suoi versi. E così ha fatto Antonio Tosi, ul Pedèla, con “Chel cha ma piasi”. Protagoniste le liriche di Carla, la sua voglia di vivere, di apprezzare ogni momento della vita e di condividerlo.

UN RICORDO
 
A Muchèta
Carla Mocchetti

 
L’è un gran  piasé sentìla can’ la léngi
cont’aa só  usi dúlza,  ciara  e cólda
cha la fà sü i paòl  e da culúi iu tengi
cunt’ul só fá che da passión al grónda.
  
La  scrìi in dul só parlá, ch’a l’è ‘l büstócu,
daa ténereza, di ricordi, d’un bel dì da sú,
da chel cha ègn dul cöi tut’in d’un bòtu
sü ul só lìbar da puesìi ch’a l’è ul “Rassù”.
  
Fina in dialètu dul san Marcu ul Vangèl
la s’è metüa a tradùl ‘stó ‘diaál’ da dona,
ch’a la pitüa anca, e  ga manchéa chel
a lé cha da stà ferma a l’è mìa bóna.
  
L’ha vengiü tan’prèmi: Tarlisìti, targhi, medái,
da laùa anca cunt’ul vedàr  a l’è ‘n’artista,
e pö la tröa ul  tempu pa’ ‘ndà a ütà i bagài,
e chi cha ga bisögn da pèrdi mai da vista.
  
E  par  finì ga piasi stà  in cumpagnìa:
cuntàla sù, scherzà e lengi i ultam scrìti;
un quai bicer insèma, dü ridài in alegrìa
dananzi a un gran bòn piàtu da bruscìti.
 
Giuseppe Gabri
(Camilén 19/ 11/2008)

 

Marilena Lualdi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore