/ Sociale

Sociale | 04 giugno 2024, 15:56

Il Lions Varese Prealpi consegna un labrador per scortare Mauro nel traffico

Giovedì 6 giugno, alle 20, al Golf Club di Luvinate prenderà definitivamente al guinzaglio il labrador che diventerà suo inseparabile compagno dei prossimi anni. Mauro Moscati è un non vedente, il cane è uno dei cuccioli presi in carico dal Centro addestramento Lions di Limbiate

Il Lions Varese Prealpi consegna un labrador per scortare Mauro nel traffico

Si chiama Mauro Moscati, ha 45 anni e abita ad Arconate in provincia di Milano. Giovedì 6 giugno, alle 20, al Golf Club di Luvinate prenderà definitivamente al guinzaglio il labrador che diventerà suo inseparabile compagno dei prossimi anni. Mauro Moscati è un non vedente, il cane è uno dei cuccioli presi in carico dal Centro addestramento Lions di Limbiate (insignito nei giorni scorsi della Rosa Camuna, la massima onorificenza della Regione Lombardia) per farlo diventare un prezioso sussidio per chi non vede.

Il percorso di preparazione è stato lungo e i notevoli costi di questo cammino sono stati sopportati dal Lions Club Varese Prealpi.

Giovedì sera, alla cerimonia di consegna saranno presenti, oltre al presidente del Varese Prealpi Alberto Ciatti e a tutti i soci del sodalizio, anche il sindaco Davide Galimberti, il prevosto di Varese mons. Panighetti e il presidente del CdA del Servizio Cani Guida Lions Giovanni Fossati .

Il Centro addestramento di Limbiate, nato nel 2014, occupa una superficie di 25.000 metri quadrati ed è uno dei fiori all’occhiello dei Lions italiani. Mette in pratica gli insegnamenti di Helen Keller, la prima donna sordo cieca a raggiungere la laurea, che nella lotta alle barriere aveva speso tutta la sua vita e che ha passato ai Lions il testimone di questa battaglia contro la cecità.

Il centro è gestito dal Servizio Cani Guida, nato nel 1959 e riconosciuto Ente Morale dalla Presidenza della Repubblica nel 1986. Eccellenza europea del settore, occupa una superficie di 25.000 metri quadrati ed è composto da 38 box con un giardinetto esterno coperto e una zona interna, ognuno dei quali può ospitare due cani; due campi di addestramento; quattro paddock per le attività ludiche e di svago; una nursery con cinque sale parto; un’infermeria; una casa accoglienza con quattro alloggi per il soggiorno dei ciechi e degli accompagnatori nella fase di istruzione; un auditorium e gli uffici. Fino ad oggi ha addestrato più di 2.300 cani guida.

Il cane che verrà consegnato giovedì sera dal Lions Club Prealpi ha seguito un percorso accurato: subito dopo la nascita è stato tenuto sotto attento controllo sanitario e affidato a una delle famiglie selezionate (i Puppy Walker) che lo ha accudito per i primi 12 mesi di vita. Allo scadere del primo anno, dopo una visita sanitaria che ne ha accertato il perfetto stato di salute, è stato sottoposto a un controllo caratteriale che ha consentito di valutarne le reazioni sia all’interno del centro, sia nel traffico, sui mezzi pubblici, in luoghi affollati.

Una volta ritenuto idoneo è stato affidato a un addestratore che per 6 mesi lo ha accompagnato nel campo interno dove il cane ha imparato comandi e riconoscimento degli ostacoli, poi in zone a basso e medio traffico, per concludere poi l’addestramento in aree ad alto traffico, nel centro di Milano e sui mezzi pubblici. Anche il non vedente ha frequentato un corso di due settimane nel Centro di Limbiate con l’addestratore del cane. Obiettivo, apprendere le tecniche e i comandi necessari alla guida con il cane.

Dopo l’assegnazione, Mauro Moscati e il suo cane guida hanno avuto a disposizione 15 giorni per imparare a conoscersi e frequentarsi.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore