/ Cronaca

Cronaca | 16 maggio 2024, 18:42

Valmarchirolo: «Presa a calci e obbligata a togliere il piercing»

Quarantaduenne luinese a processo per maltrattamenti e lesioni ai danni della ex compagna. La donna davanti ai giudici: «Criticava il mio aspetto fisico, poi ha iniziato a seguirmi»

Valmarchirolo: «Presa a calci e obbligata a togliere il piercing»

«Era la sera di Natale del 2016 e io e il mio compagno eravamo al bar. Lui ha scoperto che mi ero fatta il piercing all’ombelico, si è arrabbiato e mi ha preso a calci fino a casa. Il giorno dopo abbiamo parlato, mi ha obbligato a levare il piercing e mi ha detto di andare a guardare nella sua giacca. C’era una corda. Non so cosa volesse farci, ma ho avuto paura».

La donna che ha fatto questo racconto davanti ai giudici del Tribunale di Varese, è una trentasettenne che oggi vive con il figlio in una struttura protetta, e che per l’episodio del piercing e altri episodi di violenza, fisica e verbale, ha denunciato il suo ex convivente, un 42enne luinese accusato di maltrattamenti e lesioni nel processo in cui la donna è parte civile.

La 37enne, assistita dall’avvocato Chiara Di Giovanni, è stata la prima nella mattinata di oggi, giovedì 16 maggio, a testimoniare davanti ai giudici del collegio. Ha ricordato gli episodi denunciati e gli aspetti più rilevanti, ai fini del processo, della sua relazione con il 42enne, difeso dall’avvocato Corrado Viazzo. Una relazione iniziata nel 2009 – all’epoca dei fatti la coppia viveva in un paese della Valmarchirolo – e giunta al capolinea quasi dieci anni dopo. E poi ancora, secondo le accuse, degenerata.

«Mi criticava per l’abbigliamento, per i miei tagli di capelli, per il mio aspetto fisico – ha aggiunta la donna –  Poi ha iniziato a controllarmi, a seguirmi. E quando ho comprato una macchina nuova, mi ha detto che avevo fatto la poco di buono per averla». Tra i fatti denunciati c’è anche una violenta lite scattata per uno sciroppo da dare al figlio della coppia: «Mi ha sbattuto contro il muro e mi ha spinto per terra. I vicini hanno chiamato i carabinieri, sono stata portata in ospedale». Finì con dieci giorni di prognosi.

Rispondendo alle domande della difesa, incentrate sul contesto in cui si è svolta la vita di coppia negli anni che hanno preceduto la denuncia, la donna non ha nascosto la sua infedeltà, e ha parlato di tre tradimenti – che avrebbero influito sulle tensioni all’interno della coppia – e dell’ulteriore sofferenza legata ad un episodio di “revenge porn“: un amico di lei vorrebbe andare oltre l’amicizia, la donna dice no e lui minaccia di pubblicare foto e video hot che la riguardano. «Era un ricatto, ma quando lui è venuto a saperlo -ha aggiunto la 37enne parlando dell’imputato – mi ha picchiato». In quel periodo i due vivevano già da separati in casa: «La convivenza era pesante – ha ricordato la donna – ma sono andata avanti per il bene di mio figlio».

da Luinonotizie.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore