/ Politica

Politica | 14 aprile 2024, 18:00

VIDEO. Per i 40 anni la Lega vuole “regalarsi” l’autonomia. Giorgetti: «Vediamo la vetta»

«Se ne facciano una ragione: il 29 aprile andiamo in aula alla Camera e andiamo avanti», ha detto a Varese il ministro Calderoli. «Presto ci sarà un’altra grande festa: finalmente saremo liberi di decidere come usare i nostri soldi», ha rimarcato il governatore lombardo Fontana

Da sinistra: Fontana, Calderoli, Salvini e Giorgetti

Da sinistra: Fontana, Calderoli, Salvini e Giorgetti

A Busto Arsizio l’anteprima, con la presentazione del libro sulla storia del Carroccio scritto con l’ex ministro Speroni (leggi qui). Ieri, a Gemonio, l’abbraccio dei militanti della prima ora col fondatore Bossi. E questa mattina, in piazza a Varese, le celebrazioni ufficiali con il leader Salvini (leggi qui). Ma la Lega – in questo caso senza distinzioni o divisioni – il regalo per i quarant’anni vuole farselo in Parlamento. Festeggiando, seppure in ritardo rispetto agli auspici, l’autonomia.

«Ho imparato una cosa: se la sinistra e i 5 Stelle mi dicono di andare da una parte, io so che devo andare dall’altra e sono nel giusto», ha detto in piazza del Podestà il ministro per gli Affari regionali Roberto Calderoli, autore del ddl sull’autonomia differenziata, a proposito delle polemiche degli ultimi giorni.
«Se ne facciano una ragione – ha punzecchiato gli avversari –. Il 29 aprile andiamo in aula e andiamo avanti».

È questa la data cerchiata in rosso (o in verde) sul calendario dai leghisti. Quel giorno il ddl arriverà alla Camera.
«Siamo vicini, vediamo la vetta», ha sottolineato il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. Ricordando però che «è accaduto altre volte, ma poi ci siamo trovati disillusi. Quindi non dobbiamo mollare».

Il leghista varesino – anzi, di Cazzago Brabbia, come ha precisato sul palco con un sorriso al segretario della Lega Lombarda Fabrizio Cecchetti che lo introduceva – ha ripercorso la storia del Carroccio.
«Una storia che ha segnato qualcuno di noi con un po’ di ferite, ma ci sono tanti giovani che non erano neppure nati quarant’anni fa – ha detto –. Una storia fatta di grandi intuizioni ma anche da errori. Probabilmente noi siamo qua a festeggiare dopo 40 anni perché rispetto agli altri dagli errori abbiamo capito, corretto e siamo migliorati. E siamo qui perché ci sono state persone incredibili nella loro capacità di interpretare il momento, la storia, la loro gente, la loro terra. Ci hanno insegnato come andare su quei sentieri tortuosi di montagna per arrivare alla vetta».
E, «convinti e fiduciosi, alla vetta ci arriveremo».

Anche il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana attende con trepidazione l’approvazione dell’autonomia.
«Finalmente saremo liberi di decidere come usare i nostri soldi. Noi non vogliamo una lira in più – ha scandito nella sua Varese – ma chiediamo di decidere come poter spendere. Presto ci sarà un’altra grande festa per il raggiungimento dell’autonomia dei territori».

Tutti uniti per l’autonomia, dunque. Le divisioni, però, nella Lega non mancano. Oggi uno striscione esposto dalla sede varesina predicava unità («Capo, Bobo, Matteo: una storia ci Lega»). «Un buona sintesi – commentava all’ombra del Garibaldino il capogruppo in Senato Massimiliano Romeo –. Grande riconoscenza a Umberto Bossi, che ha fondato la Lega quarant’anni fa; riconoscenza anche a Bobo Maroni, che l'ha presa in mano in un periodo difficile e l’ha tenuta viva, andando anche a governare in Lombardia. E poi bisogna essere riconoscenti a Matteo Salvini che l’ha portata a dei livelli che nessuno poteva immaginare».

Riccardo Canetta


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore