/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 11 aprile 2024, 09:00

FOTO. Sul Sempione attraversamenti pedonali invisibili

A Busto Arsizio ci sono i cartelli, ma le strisce bianche ormai sono scomparse dall’asfalto. E con il buio la situazione peggiora

FOTO. Sul Sempione attraversamenti pedonali invisibili

Il problema degli attraversamenti pedonali invisibili lungo il tratto del Sempione a Busto Arsizio rappresenta una seria preoccupazione per la sicurezza stradale nella zona.

L’alta circolazione di automobili ha contribuito a rendere le strisce pedonali praticamente invisibili a diverse altezze lungo la strada, aumentando il rischio di incidenti per i pedoni. Percorrendo la strada, infatti, a diverse altezze le strisce pedonali non sono più visibili e, in alcuni punti, non ci sono nemmeno più le segnaletiche verticali.

È il caso, ad esempio, di quello di fronte al Mizar Park: qui, sulla corsia percorribile in direzione Gallarate è presente il cartello che segnala l'attraversamento pedonale, mentre arrivando in quella in direzione Busto è assente. La stessa situazione, a parti invertite, la troviamo anche alla rotonda all’altezza della caserma dei Vigili del Fuoco. Mentre, alla rotonda presente tra i due punti, i cartelli ci sono. Ma la costante in tutti gli attraversamenti è una: strisce pedonali pressoché invisibili. Questo è un reale problema per chi, utilizza gli attraversamenti pedonali, soprattutto quando non c’è la luce del sole a illuminare. Infatti, se alle due rotonde gli attraversamenti pedonali hanno dei lampioni, in quello all’altezza del Mizar Park è totalmente al buio. Oltre al fatto che, la via, viene percorsa ad alta velocità al di fuori degli orari di punta e ciò influisce ancora di più sulla pericolosità di questi attraversamenti pedonali.

Michela Scandroglio

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore