/ L'ultima contesa

L'ultima contesa | 12 marzo 2024, 07:30

VIDEO - Legovich a L’Ultima Contesa: «Sentirsi salvi ora sarebbe un errore. I fischi al coach? Una cosa che va contro la Pallacanestro Varese»

Il giovane assistente allenatore della Openjobmetis è stato l’ospite della puntata di ieri: «Con Brindisi partita nervosa, ma c’è soddisfazione per averla portata a casa. La difesa è cresciuta nel tempo grazie al lavoro in palestra: l’arrivo di Spencer è stato fondamentale, e le guardie aiutano molto. Il cambiamento più importante sono i punti concessi in area. Besson? È un ragazzo molto sveglio, parla poco ma lo fa con i fatti. Playoff? Preferisco vincere la coppa»

Marco Legovich, ospite ieri sera a L'Ultima Contesa

Marco Legovich, ospite ieri sera a L'Ultima Contesa

Il giorno dopo una vittoria pesante in chiave salvezza, è tornata in onda L’Ultima Contesa, il talk-show sulla pallacanestro di casa nostra di VareseNoi.

Ospite è stato Marco Legovich, l’assistente di coach Bialaszewski che ha il compito di occuparsi principalmente della difesa biancorossa. E proprio di difesa si è parlato principalmente, viste le recenti buonissime prestazioni da questo punto di vista. Oltre a questo, temi caldi le prime partite di Hugo Besson, la FIBA Europe Cup e molto altro.

Altro ospite è stato Enrico Salomi, giornalista di Malpensa24 e Backdoor Podcast.

Ecco alcune delle dichiarazioni di Marco Legovich:

«Sicuramente una partita importantissima - sul match vinto ieri contro Brindisi - C’è soddisfazione per averla portata a casa e per aver festeggiato. È stata una partita leggermente nervosa, i pochi punti subiti è stato un bel segnale dai giocatori. Offensivamente abbiamo fatto fatica, ci sono cose su cui dobbiamo lavorare e migliorare, ad esempio come costruire i tiri. Anche nel terzo quarto la squadra è stata brava a restare unita e anche nelle individualità abbiamo trovato tanto a livello difensivo. Prestazione dalla quale ripartire, assieme a quella di Nymburk».

Sui miglioramenti difensivi della squadra: «La squadra è cresciuta nel tempo. Il miglioramento di squadra è dato dal lavoro fatto in palestra, poi è chiaro che l’arrivo di Spencer ha aiutato, ed è aumentata la conoscenza dei giocatori e del livello del campionato. Spencer è un difensore sul pick & roll ottimo e unito a questo c’è stato un aumento di precisione delle guardie: Mannion è un difensore sottovalutato».

Sull’aumento dei tiri da 3 subiti dagli angoli: «Il numero di corner 3 concessi è aumentato perché la difesa sui pick & roll è come una coperta: bisogna capire in base alle caratteristiche dei giocatori e al momento della partita che tipo di scelta preferiamo fare. Eravamo arrivati a un punto che ci serviva più aggressività sulla palla, e così si lascia qualcosina in altre zone del campo».

La miglioria difensiva che più lo soddisfa: «Il cambiamento più importante è la diminuzione dei punti in area e al ferro. Questo parte da due cose: il lavoro di squadra e la finalizzazione data dalla presenza in area. Spencer è miglior stoppatore del campionato e Scott sta diventando sempre più una presenza. La cosa che mi è piaciuta di più ieri è stato l’extra-effort: abbiamo lasciato pochi tiri non contestati».

Sul problema dei rimbalzi: «Sui rimbalzi difensivi non siamo ancora soddisfatti, è uno dei talloni d’Achille della squadra al momento, e non dobbiamo farlo diventare un target per le altre squadra. A rimbalzo offensivo per troppe volte abbiamo perso la battaglia dei tiri, ci serviva maggior presenza in area. Il coinvolgimento dei due 5 è fondamentale, ma una copertura dalle ali ci stia aiutando, come è successo anche ieri».

Sul sistema di gioco di Varese e sull’allenabilità della squadra: «Un modo di vedere la pallacanestro diverso. Non è vero che alcuni adeguamenti non sono permessi, semplicemente ogni scelta viene fatta su motivi statistici, gli stessi per cui escludiamo alcune cose in attacco e difesa. La rigidità del sistema non va vista come impossibilità di allenare: un conto è dire “Varese tira da tre e basta”, ma per noi allenatori la sfida è come costruire quei tiri».

Sul cambio Hanlan-Besson: «Due giocatori molto diversi. Il cambiamento è stata una notizia a ciel sereno, ma la squadra è stata molto seria a capire la situazione. Hugo è un ragazzo molto sveglio, si è calato in due settimane in un mondo diverso con grande attenzione e voglia. Parla poco ma lo fa con i fatti: fa quello che gli viene richiesto, non è accentratore di attenzioni e come professionista e ragazzo non posso che esprimere buone parole per il suo inserimento».

Sul rush finale in campionato e sulla situazione salvezza: «Queste otto partite finali sono un campionato a parte, le insidie sono sempre dietro l’angolo. Andare a giocare contro una squadra che deve salvarsi è più difficile che giocare con Milano o Bologna. Sentirsi salvi ora è un errore, da quando ci sarà la matematica poi ci si potrà divertire. Fare i playoff sarebbe belo in un ambiente come il nostro, ma continuo a pensare partita per partita».

Sul prossimo impegno in FIBA Europe Cup: «Nymburk è una squadra che ti fa giocare male. Sono consapevoli di alcuni limiti, non fa del tiro da fuori la sua forza, ma sono bravi a pescare da altre situazioni. Vorrei vedere la stessa Varese responsabile e matura che in difesa dà subito un segnale, e non una squadra già convinta di essere in semifinale. Sarà importante vincere e continuare a crescere».

Su coach Bialaszewski: «Prendere una squadra come Varese e vivere tutti questi cambiamenti non è semplice. Abbiamo avuto svariati confronti durante l’anno: Tom ha una capacità di ascolto sopra la media, è intelligente e non ha pura di condividere. Sentire ogni partita i fischi all’allenatore è qualcosa che va contro la Pallacanestro Varese».

Qui sotto il video della puntata integrale, con le parole del coach anche su Brown, McDermott, Woldetensae e Mannion:

Lorenzo D'Angelo


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore