/ Territorio

Territorio | 12 febbraio 2024, 09:16

Cantiere AlpTransit di Laveno. Le proposte dei commercianti: «Più parcheggi in via Labiena»

Trasformare i disagi in opportunità è l'obiettivo di Confcommercio Ascom Varese che ha organizzato una riunione con gli esercenti della città: «Niente rotatoria in via Garibaldi, più spazio per il mercato e adeguamento della segnaletica provvisoria»

La riunione dei commercianti a Laveno Mombello

La riunione dei commercianti a Laveno Mombello

I negozianti di Laveno Mombello si sono riuniti venerdì sera alle Officine dell’Acqua per parlare delle conseguenze del cantiere dell’AlpTransit sul commercio.

«Il cantiere è impattante - sottolineano gli esercenti - ma i disagi che paiono inevitabili possono trasformarsi in opportunità, non solo durante i prossimi mesi, ma anche in prospettiva, se al progetto verranno fatte alcune correzioni».

I commercianti con il coordinamento di Confcommercio Ascom Varese hanno avanzato alcune proposte che all’amministrazione comunale lavenese: 

VIA LABIENA

Nel passato era la via dello shopping e deve ritornare ad esserlo. L’istituzione del senso unico in via Labiena può giovare al commercio di Laveno se si realizzeranno, a raso, sulla strada, parcheggi che consentano la sosta breve davanti ai negozi. I commercianti chiedono molti di più dei posti auto previsti dall’attuale progetto. Secondo i negozianti, i parcheggi sono prioritari e devono essere pronti prima che il lungolago venga pedonalizzato.

NIENTE ROTATORIA IN VIA GARIBALDI, MA PERMANENZA DEL PASSAGGIO A LIVELLO ALMENO AD USO PEDONALE 

Il terzo lotto dei lavori prevedeva l’abbattimento completo del cavalcavia con la trasformazione di viale Garibaldi in una strada due corsie, con una rotatoria in cima al viale. Ma in questo modo Ferrovie Nord si sarebbe trovata con un passaggio a livello sullo stop della rotonda, cosa che non è possibile e che richiede la chiusura dello stesso passaggio a livello. La Provincia ha dunque messo a disposizione dei fondi per la realizzazione di un sottopasso. Ascom Varese propone di rivedere l’incrocio è di lasciare il passaggio a livello almeno ad uso dei pedoni. Il cavalcavia, invece, rimarrebbe come via secondaria di collegamento per superare la ferrovia.

PIU’ SPAZIO PER IL MERCATO

Dovendo lasciar libera via Garibaldi, il mercato dovrà situarsi tra piazza Vittorio Veneto, via Trieste, via Marconi e via Rosselli. Ascom Varese chiede una soluzione che non penalizzi gli esercenti che già martedì scorso, a causa dei problemi viabilistici, hanno fatto i conti con un minor afflusso di clienti.

ADEGUAMENTO DELLA SEGNALETICA PROVVISORIA

E’ urgente rivedere la segnaletica legata alle modifiche viabilistiche perché l’attuale è troppo confusa.

Antonio Besacchi, presidente di Confcommercio Ascom Varese ha commentato che: «Senza il commercio i paesi muoiono. Lo abbiamo visto già troppe volte. Se ci sono i negozi, ci sono i servizi. Se ci sono i negozi, gli anziani possono avere più autonomia negli spostamenti. Quando ci sono i negozi, il territorio è vivace e presidiato. I negozi sono posti di lavoro e ricchezza per tutti. Eppure molto spesso le amministrazioni comunali sembrano non capire l’importanza che ha il piccolo commercio nella vita di un paese. Ma Ascom Varese c’è, è al fianco dei negozi, e porterà in comune a Laveno quanto emerso dalla riunione affinché le nostre proposte siano prese in considerazione. La nostra forza è essere insieme. Organizzeremo presto altri incontri. Non osserveremo passivamente l’evolversi della situazione».

Andrea Moruzzi, fiduciario di zona Ascom ha sottolineato che: «A Laveno è stata aggiornata la viabilità per rendere più accessibile il centro durante il periodo di cantiere delle nuove opere per il miglioramento urbanistico. Il paese è raggiungibile attraverso gli accessi abituali, ad eccezione di via Varese, che è chiusa al traffico. Le altre vie principali: via XXV Aprile, via Fortino e via Roma, non hanno subito variazioni significative e non presentano particolari problemi di circolazione. Inoltre, sono in corso di definizione accordi con i Comuni limitrofi di Cittiglio e Caravate e con le Ferrovie per limitare i disagi dovuti al cantiere. Dalla primavera sarà rimosso anche il cantiere tra Portovaltravaglia e Luino così da normalizzare il traffico verso la frontiera. Ricordo che Laveno è raggiungibile anche con due linee ferroviarie, autobus e traghetto da Intra, accessi che non hanno subito variazioni».

«In via Labiena interamente transitabile, il minor flusso di veicoli diretti a Cittiglio favorisce la sosta davanti ai negozi, offrendo l’opportunità di apprezzare la storica via dello shopping - ha proseguito Moruzzi - Ne approfitteremo per concordare con l’amministrazione un miglioramento dei parcheggi e una revisione dell’arredo urbano. Dopo i primi inconvenienti riscontrati durante il mercato del martedì, la polizia locale sta adottando le opportune misure per regolare il transito e la sosta, garantendo la sicurezza e la fluidità del traffico. Il cantiere, pur essendo di notevole entità, è situato al margine del paese e non interferisce con la viabilità interna. Tutti noi confidiamo nella rapidità e puntualità delle opere, in modo da poter comunque svolgere, oltre al grande carnevale di sabato 17 febbraio, tutte le manifestazioni della stagione turistica già programmate, per le quali abbiamo già avuto assicurazione di fattibilità».

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore