/ Basket

Basket | 28 gennaio 2024, 22:30

Il COMMENTO DI FABIO GANDINI - L'eterna lotta biancorossa tra il bene e il male

Il confine è labilissimo ed è tutto racchiuso nei quaranta minuti di questa gara pazza, infinita, piena di fatica e mai decisa. Dopo Venezia e Virtus, Varese si è giocata l'all in a Cremona per cercare una risposta: l'ha trovata

Il COMMENTO DI FABIO GANDINI - L'eterna lotta biancorossa tra il bene e il male

È un’eterna lotta tra il bene e il male in questa Varese. Tra le certezze e l’incertezza, tra la speranza di coltivare dei sogni e quella di ripiombare negli incubi.

Si guardi la classifica, pensando a quanto oggi i biancorossi siano andati vicini a lasciarci le penne nello scatolone del PalaRadi: una sconfitta avrebbe significato terzultimo posto solitario, a due punti da Pesaro e Treviso, a un passetto da Brindisi e dal baratro.

Avrebbe significato certificare senza se e senza ma l’esistenza di una croce da portare fino a maggio, in compagnia della paura, della tristezza, dei rimpianti, della rabbia che mette tutti contro tutti. 

Ora, invece, siamo qui sudati e tremanti, dopo esserci ubriacati di abbracci alla tripla del serpente campione con i capelli rossi, nutriti dall’estasi dei 300 varesini deliranti di felicità di fronte a noi. E guardiamo la classifica con un sorriso e un “vediamo” che dal cuore arriva al cervello.

Il confine è labilissimo ed è lo stesso che divide il bianco e il nero di questa squadra e del suo allenatore. Potremmo chiudere in una riga questo commento e nessuno ci potrebbe dire "bah": la differenza sono semplicemente Spencer e Mannion. La differenza con la gara di andata, la differenza tra il pianto e il riso, tra la notte e il giorno, tra la retrocessione sparata e un sogno sono la forza e la poesia che i due hanno portato semplicemente in dote. 

Ma non è così semplice, non è così scontato. Primo perché per arrivare a loro Varese si è dovuta guardare dentro, ha dovuto litigare con se stessa e le sue convinzioni estive, poi provare la paura, infine aprire il portafoglio oltre le proprie possibilità: ha dovuto affogare, quindi scommettere.

E secondo perché dopo le quattro vittorie tra Pesaro e Treviso, hanno fatto capolino due sconfitte tanto scontate quanto fastidiose, a ricordare puntualmente che i limiti esistono e continueranno a esistere.

Sì ma qual è il vero limite? Dove va messa l'asticella?

Oggi Varese ha giocato l’all in contro Cremona, nel tentativo di trovare una risposta. E l’ha conosciuta solo al termine di una gara pazza, infinita, piena di fatica, mai decisa.

Ci aveste chiesto un parere tra il secondo e il terzo quarto, con la Openjobmetis sempre davanti, i rimbalzi dominati e il “sistema” che mostrava la propria efficacia su una Vanoli costretta a inseguire, vi avremmo detto delle parole che, venti minuti dopo, saremmo stati pronti a smentire. 

È bastato Eboua a ribaltare il tutto: è bastato il solito lungo indigesto, nello specifico non tanto nel far male sotto canestro, quanto nel portare fuori Spencer e lasciare il campo ai missmatch fisici degli esterni. Da lì un altro game: le triple di casa a punire gli adeguamenti, le carambole lasciate nelle mani avversarie, il pallino che cambia proprietario.

E allora non solo Venezia e Virtus, ma anche qualcuno di molto più borghese sarebbe stato pronto a dimostrare di saper trovare le falle nello scudo varesino e di saperle attaccare. Mandandolo in mille pezzi.

Ripassate un’altra volta, prego.

Mannion, Spencer, e la nuova Varese rinata con loro, bastano per Cremona. Ora sotto a chi tocca. 

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore