/ Ciclismo

Ciclismo | 22 maggio 2023, 19:45

Giro 2023, ultima settimana di corsa per la Eolo-Kometa. Basso e Zanatta: «Bicchiere mezzo pieno, possiamo tenere questo trend fino alla fine»

Bais cercherà di tenere la maglia azzurra degli scalatori. Obiettivi di tappa per Fortunato e Albanese. Parole al miele di Basso per Marco Frigo: «Mi spiace non averlo con me»

Giro 2023, ultima settimana di corsa per la Eolo-Kometa. Basso e Zanatta: «Bicchiere mezzo pieno, possiamo tenere questo trend fino alla fine»

Partirà da domani la terza settimana del Giro d'Italia e per la formazione di matrice varesina, la Eolo-Kometa il bilancio per il momento non può che essere positivo. Davide Bais ha vinto la tappa di Campo Imperatore, un sesto posto per il fratello Mattia, Albanese invece raccimolato due quarti, un sesto, un settimo e un ottavo posto, un sesto un nono e un decimo posto per Mirco Maestri.

Nessun acuto per ora per lo scalatore Lorenzo Fortunato che aveva segnato sul cerchiolino rosso la tappa di ieri con arrivo a Bergamo ma non è riuscito ad entrare nella fuga di giornata (era presente Albanese, nono al traguardo).

«Non ho avuto la mia giornata migliore per via della pioggia dei giorni scorsi, però punterò sulle ultime due tappe di montagna. Ho tre occasioni, martedì (arrivo sul Monte Boldone), giovedì (Val di Zoldo) e venerdì (Tre Cime di Lavaredo)» ha detto il vincitore sullo Zoncolan nel 2021.

E' soddisfatto dell'andamento della squadra il team manager Ivan Basso: «Il bicchiere è piu che mezzo pieno, è stato un Giro d'Italia per ora super positivo e siamo convinti che la squadra sia in ottima salute, visto un giro durissimo per le condizioni meteo, se continuiamo a correre così possiamo ottenere ottimi risultati - ha spiegato il due volte vincitore della Corsa Rosa nel 2006 e 2010 - Oltre alla vittoria di tappa abbiamo fato 10 piazzamenti nei primi dieci, tra cui due quarti, la squadra ha fatto vedere veramente un ottimo valore, tra le migliori del Giro».

Per Albanese dopo qualche giorno in chiaro e scuro per via dell'influenza, il peggio sembra passato.

«Punterò su mercoledì e domenica, l'obiettivo è fare un bel risultato a Roma e sarà una bella soddisfazione. Ma anche in qualche fuga, stanno continuando tutti i giorni, non si sa mai» ha detto il velocista-passista campano.

La maglia blu della classifica degli scalatori è ancora sulle spalle di Davide Bais. Dovrà cercare di difenderla nei prossimi 6 giorni, visto che le scalate non mancheranno. «Sto facendo il massimo per provare a guadagnarmela, cerchero domani di fare un po' di punti e farmi trovare nelle fasi finali della corsa in supporto di Fortunato».

Entrerà nel vivo anche la lotta per la vittoria finale del Giro d'Italia. I vari Thomas, Roglic, Joao Almeida, Caruso e gli altri uomini di classifica, dopo giorni di impasse si daranno battaglia.

«Domani parte una settimana di fuoco, le squadre infatti ad ora hanno giocato a nascondersi e penso sarà Roglic a mettere in difficoltà la Ineos. Poi comunque sarà la strada a dirlo. Sarà però già una tappa domani decisiva per la classifica generale. - ha detto il direttore sportivo Stefano Zanatta che ha commentato anche l'andamento del team - La squadra è già al terzo anno e gli obiettivi sono sempre stati quelli di creare un gruppo di giovani e arrivare al Giro, la Tirreno e la Sanremo preparati. Hanno messo l'anima sulla strada, questo trend possiamo tenerlo fino alla fine, vogliamo continuare su questa linea».

Marco Frigo della Israel-Premier Tech, classe 2000, sta impressionando in questa edizione del Giro e gli occhi sono puntati su di lui negli ultimi giorni soprattutto grazie al quinto posto di Rivoli e il terzo a Bergamo con la vittoria sfumata di un soffio.

«Frigo è un ottimo corridore e mi spiace non averlo con me. Negli anni in cui stava facendo il passo dall'under 23 alla categoria superiore non potevamo prenderlo, ci è scappato. E' importante che un corridore italiano vada forte, ne abbiamo bisogno. Va forte in salita, a cronometro, è bello da vedere» ha concluso Basso.

Luciano Parodi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore