/ Territorio

Territorio | 19 maggio 2023, 16:12

Giro a Cassano: il grazie del coordinatore, Nicola Poliseno, a Comune, Forze dell’ordine, volontari e sponsor

Dopo la posa della statua/monumento "Senza fine": «Testimonia chi siamo e di che cosa siamo capaci». Dalle scuole: «Sentiamo i ragazzi dire: l’anno prossimo faremo ciclismo»

Amministratori comunali, sponsor e tecnici pronti per l'arrivo di tappa

Amministratori comunali, sponsor e tecnici pronti per l'arrivo di tappa

Ormai ci siamo: domani, 20 maggio, il Giro d’Italia arriverà a Cassano Magnago. I preparativi fervono da mesi e, oggi, sono particolarmente visibili, fra addobbi in rosa e la riproduzione monumentale del trofeo “Senza fine” (l’opera originale è firmata dal designer Fabrizio Galli) che troneggia nella rotatoria fra via Aldo Moro e via IV Novembre (Foto in fondo).

Ringraziamenti, in Comune, da Nicola Poliseno, coordinatore del Comitato tappa, ad Amministrazione locale, tecnici, volontari, forze dell’ordine e sponsor. «Si è lavorato, letteralmente, giorno e notte – ha fatto presente Poliseno – fino alla posa, con 24 ore di anticipo, della scultura. Che rimarrà nella città di Ivan Basso e Wladimiro Panizza, traccia indelebile dell’evento che stiamo per vivere. Un monumento “a chilometro zero”, visto che è stato realizzato da artigiani di qui, testimonianza di chi siamo e di che cosa siamo in grado di fare».

«Percepisco un nervosismo positivo – ha dichiarato il sindaco, Pietro Ottaviani – quello dei grandi eventi. Tutte le aree, tutti gli uffici comunali sono stati coinvolti e hanno gareggiato fra loro per dare il massimo contributo possibile. Il mio grazie va a loro e a tutti quelli, fra Polizia Locale, forze dell’ordine, volontari, parrocchia, che si sono dati da fare. A chi, magari, non è appassionato di ciclismo, visto che qualche inevitabile disagio ci sarà, chiedo di avere un po’ di pazienza».

Del valore dell’arrivo di tappa e delle potenzialità promozionali per il ciclismo ha parlato Mauro Vitiello, presidente della Camera di Commerio varesina: «Complimenti a Cassano per il coraggio. Fra gli impegni che stiamo portando avanti c’è anche quello di promuovere il turismo sportivo, soprattutto sulle due ruote. Dobbiamo coinvolgere i ragazzi, a partire dalla sicurezza stradale, e valorizzare le ciclabili del territorio, anche cucendole fra loro». S

pazio a due sponsor d’eccezione. Poliseno ha introdotto Roberto Solbiati, direttore generale Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, ricordando il finanziamento già accordato dalla Banca di credito cooperativo per la statua di Giovanni Paolo II in piazza San Giulio. «Le banche come la nostra – ha affermato il dg – riversano gli utili sui territori, sono presenti. E il monumento appena posato resterà come segno tangibile. Siamo qui e guardiamo al futuro, ai bambini. A Cassano, gli alunni delle primarie (1.100 circa, Ndr), con le magliette che mettiamo a disposizione, creeranno una grande macchia rosa».

Commosso il ricordo riservato da Poliseno a Ferruccio Franchi (presente la figlia, non meno emozionata), di Plastiche Cassano Magnago – Progrip, marchio che ha generosamente contribuito all’iniziativa cassanese. Nel segno, fra l’altro, della passione sportiva di Franchi, storico sostenitore del ciclismo giovanile.

La dirigente scolastica Raffaella Ferrari (Istituto comprensivo Dante Alighieri) e la professoressa dell’Ic Cassano Magnago 2, Riccarda Colombo, hanno sottolineato il ruolo trainante giocato dal campione Ivan Basso, che ha incontrato circa 2.000 ragazzi  e ragazze. «Oggi tanti studenti dicono: l’anno prossimo “farò ciclismo”». L’arrivo del Giro porta anche questo.

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore