/ Calcio

Calcio | 21 marzo 2023, 10:48

VIDEO. Il peccato originale del (Città di) Varese spiegato in un minuto e trentotto secondi

Il commento di Gabriele Galassi dopo l'intervento di Andrea Confalonieri a "Stadio Aperto": «Non c’è nulla da commentare. Basta ascoltare»

VIDEO. Il peccato originale del (Città di) Varese spiegato in un minuto e trentotto secondi

Nella puntata di ieri sera di Stadio Aperto in un minuto e trentotto secondi il Confa ha scolpito nella pietra il “peccato originale” del (Città di) Varese - “città di” tra parentesi, perché vorrei chiamarlo solo Varese, ma non ci sono mai riuscito fino in fondo. E proprio per i seguenti motivi.

 

Parole chiarissime, fatte di passione e orgoglio per quei nostri colori che racconta da 30 anni e ama da 50. Parole che sposa chi scrive e (scommessa?) diversi, se non tanti, altri cuori biancorossi. Queste: «Il distacco tra la città e la società ha fatto la differenza nel far sì che i giocatori possano (e abbiano potuto) vivere la città. Andare a vedere una partita dell'hockey, che non è andare a fare passerella, ma è andare in mezzo a 1.100 persone a vivere la città, a respirare passione. È unire la squadra. È fare gruppo. Dalla società non è mai stato fatto gruppo tra questi giocatori e la città e la tifoseria, tranne in rari casi all'interno della società (il riferimento è a Stefano Pertile, ndr). Questa è la grave colpa della società: essersi staccata e distaccata dalla città e dall'ambiente di Varese. E i giocatori come fanno a percepire la città e a farsi amare dal pubblico e a farsi sentire partecipi di una storia, che è una storia comune? Sembra che vivano in una bolla, da un anno. Parlano solo con Rosati, con Amirante, Merlin... Ma fateli parlare con la gente, con la città, con i tifosi! Portateli al palazzetto, al palaghiaccio, portateli fuori, portateli una serata con gli ultras. Questo vuol dire fare gruppo! Questa è la più grossa mancanza di questa società: essersi isolata in una torre d'avorio lontana dalla città e, anche, da chi rappresenta l'animus pugnandi della città - come VareseNoi».

Non ce la si aspetta, ma si attende (impazientemente, finalmente) replica.

Gabriele Gigi Galassi


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore