ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA 2023
 / L'ultima contesa

L'ultima contesa | 23 gennaio 2023, 22:39

VIDEO Toto Bulgheroni: «Siamo ancora vicini a un accordo con il gruppo Pelligra. Il campionato sia più equo»

Il consigliere d’amministrazione è stato ospite questa sera de l'Ultima Contesa. Sulla trattativa con gli australiani un passaggio chiave: «Pallacanestro Varese non prescinde e non vuole prescindere dalla maggioranza della proprietà attuale di Luis Scola e del Consorzio». Sui regolamenti l'appello a Lega e Federazione: «C’è una bella differenza tra giocare contro la Virtus con Teodosic o senza Teodosic...Per una parvenza di competitività bisognerebbe che tutte le squadre schierassero sempre gli stessi 5 o 6 stranieri»

Toto Bulgheroni all'Ultima Contesa

Toto Bulgheroni all'Ultima Contesa

È stato Toto Bulgheroni l’ospite della puntata di questa sera de L’Ultima Contesa, il talk show sulla pallacanestro locale di VareseNoi.

Con il consigliere d’amministrazione della Pallacanestro Varese si è partiti dall’analisi della sconfitta di ieri sul campo di Trento, prima di passare a un quadro più generale su squadra e società, compreso l’affare con il Pelligra Group. Altro ospite è stato Flavio Vanetti, giornalista de Il Corriere della Sera.

Nella seconda parte della puntata è intervenuta anche Paola Biancheri, segretaria del trust Il Basket Siamo Noi, con cui si è parlato della nuova Varese School Cup (leggi QUI), dell’iniziativa Run With Us e delle vendite dei biglietti per le Final Eight di Torino (leggi QUI).

Qui alcune delle dichiarazioni di Toto Bulgheroni:

«Trento è una squadra fisica e ben allenata. Le nostre caratteristiche vengono studiate a fondo e tutti prendono le contro misure. In una partita in cui Trento ha trovato giocatori in una buona serata, noi abbiamo avuto qualche giocatore al di sotto della performance a cui siamo abituati; in più mentalmente abbiamo peccato di presunzione o leggerezza. Alla fine abbiamo perso di 10 punti e la cosa non mi preoccupa più di tanto».

Sulla prestazione negativa di Woldetensae di ieri sera: «È un ragazzo di grandissime potenzialità. Alcune volte va a cercare le cose un po’ difficili all’inizio delle partite, quando sarebbe meglio aspettare che la partita arrivasse a lui. Ha le gambe buone, difende… è questione di cercare equilibrio. Il coach ha fiducia, lo fa giocare, e Tomas ha spazi importanti nella nostra squadra. Può capitare una partita in cui è un po’ offuscato».

«Abbiamo uno dei budget più bassi della stagione e per sei partite non abbiamo avuto Justin Reyes. Abbiamo fatto un girone d’andata incredibile. Ora sarà difficile il ritorno, un po’ ci prendono le misure e hanno capito i punti deboli»

Di estremo interesse il passaggio sui regolamenti e sull'equità del campionato, a coinvolgere Lega e Federazione: «C’è una bella differenza tra giocare con la Virtus con Teodosic e la Virtus senza Teodosic, come ha fatto a Tortona. Voglio dire: penso di poter premere perché i responsabili di Lega e Federazione pongano limiti a queste cose. Ok, il campionato è una cosa e l'Eurolega è un'altra. Ma se vogliamo che il campionato, al di là delle differenze di budget tra una squadra e l'altra, abbia una parvenza di competitività, bisognerebbe che tutte le squadre schierassero sempre gli stessi 5 o 6 stranieri, non che siano intercambiabili come accade ora. In assenza di regole precise capisco che Milano e Virtus Bologna si comportino in un certo modo, ma se ci fossero il campionato sarebbe più equo»

«Per quanto riguarda Brase sono molto soddisfatto per come allena e per il rapporto che ha con i giocatori. È un allenatore che riesce a essere positivo e a motivare i giocatori. Siamo sulla strada principale, qualche scivolata ci sta ma andiamo avanti con l’aiuto del pubblico di casa, che è eccezionale».

Sulla questione sostenibilità economica della squadra: «Questo è il grande lavoro che ha fatto Arcieri con Brase. Noi abbiamo una politica importante, che è quella di avere i conti a posto sotto tutti i punti di vista. Soprattutto il consorzio ha ereditato una situazione un po’ pesante che abbiamo smaltito negli anni. Guardiamo al futuro con molta positività, aspettando anche che i risultati e l’entusiasmo possano portare ancora qualche sponsor».

Fondamentale il passaggio sulle trattative con il Gruppo Pelligra: «Non è successo niente di particolare in questi mesi. Pallacanestro Varese non prescinde e non vuole prescindere dalla maggioranza della proprietà attuale di Luis Scola e del consorzio (questo evidentemente il nodo più importante nella trattativa ndr). Ritengo che siamo ancora vicini a un accordo con il gruppo Pelligra, ma con il principio che vogliamo dei partner che vogliano seguirci e usino la Pallacanestro Varese per aprire possibilità sul territorio di Varese. Se non arriverà l’accordo andremo avanti come abbiamo fatto fino adesso».

«Il mio rapporto con Scola è eccezionale. Lui ovviamente ha tute le deleghe e il potere per decidere e portare in consiglio d’amministrazione le decisioni importanti. Il fatto di poterci vedere quotidianamente e parlare un po’ di tutto credo possa aiutare entrambi».

Qui sotto la puntata integrale.

Lorenzo D'Angelo


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore