/ Territorio

Territorio | 04 gennaio 2023, 09:30

Autostrade svizzere: il 2023 è l’anno della vignetta elettronica

Il contrassegno necessario per viaggiare verrà introdotto in formato digitale nel corso dell'anno, presumibilmente in questo primo trimestre. Già in vendita la versione cartacea

Foto di copertina © Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini

Foto di copertina © Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini

Scadrà alla fine del mese corrente la validità della “vignetta” svizzera, cioè il contrassegno che consente di viaggiare sulle autostrade della Confederazione elvetica.

L’attuale tagliando, quello riguardante l’anno 2022, cesserà di essere valido il 31 gennaio, quando saranno trascorsi esattamente 14 mesi dalla sua messa in commercio. La durata del prossimo contrassegno, quello marchiato 2023, resterà invariata. L’anno che è appena iniziato, tuttavia, porterà ad una grande novità per gli automobilisti.

Si tratta di una versione elettronica della vignetta, che quindi non dovrà più essere obbligatoriamente esposta sul parabrezza. Per questa conversione, però, ci vuole ancora del tempo. La vignetta in formato digitale, si apprende dall’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini, verrà introdotta nel corso dell’anno, sicuramente dopo il 31 gennaio, ma una data ufficiale non è ancora stata comunicata.

Sarà il Consiglio federale a decidere in merito, presumibilmente nell’arco dei primi tre mesi dell’anno. «L’introduzione del contrassegno elettronico nel corso dell’anno ha il vantaggio di permettere di ottimizzare i sistemi in maniera graduale», spiega l’ufficio federale in una nota. Nel frattempo la versione cartacea del nuovo tagliando – che comunque resterà in commercio come alternativa – può già essere acquistata recandosi ai distributori di carburante, nelle autofficine o ancora all’interno degli uffici postali, doganali e della circolazione stradale.  Sempre al prezzo di 40 franchi.

Il contrassegno è valido solo se viene incollato direttamente, e senza impiegare altri materiali, sul veicolo nel punto prescritto: per quanto riguarda gli autoveicoli, esso va fissato sul lato interno del parabrezza – viene precisato dall’ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini – mentre nel caso di rimorchi e motoveicoli su una parte facilmente accessibile e non intercambiabile. È vietato rimuoverlo per poi riattaccarlo sullo stesso o su un altro veicolo.

da LuinoNotizie.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore