ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA 2023
 / L'ultima contesa

L'ultima contesa | 04 gennaio 2023, 08:00

VIDEO Guglielmo Caruso a L’Ultima Contesa: «Soddisfatto della mia crescita, ma non mi accontento. Rimanere qui? Ci stiamo lavorando...»

Il giovane lungo napoletano della Openjobmetis è stato l’ospite della dodicesima puntata del talk show di VareseNoi sulla pallacanestro varesina. La sconfitta contro Tortona, la sua crescita a Varese e la volata per la Coppa Italia i temi caldi: «Abbiamo perso di un punto, sarebbe bastato un errore in meno. Io e Owens paghiamo l’assenza di Reyes. Il lavoro con Scola è di un certo livello. Final Eght? Sono ottimista»

Guglielmo Caruso, protagonista ieri de L'Ultima Contesa

Guglielmo Caruso, protagonista ieri de L'Ultima Contesa

Il giorno dopo un’altra partita da alti e bassi, si torna a parlare di pallacanestro a L’Ultima Contesa, il talk show sul basket varesino di VareseNoi. E lo si fa con un ospite protagonista del campo: Guglielmo Caruso.

Con il lungo classe '99 si è parlato, ovviamente, della partita persa in volata contro Tortona, della sua crescita tecnica a Varese e della corsa alle Final Eight.

Altro ospite è stato Flavio Vanetti, giornalista varesino de Il Corriere della Sera.

Ecco alcune dichiarazioni di Guglielmo Caruso:

«Stiamo abituando i nostri tifosi a soffrire ogni partita: a volte va bene e a volte possiamo pagare quei minuti in cui non siamo noi stessi. Ieri ci è mancata la continuità, e a un certo punto del quarto quarto eravamo più tredici, quindi la nostra bravura deve essere quella di gestire qualche momento della partita. La sconfitta è stata di un punto, quindi sarebbe bastato un errore in meno per non trovarsi in quella situazione. È stata una partita molto tosta dal punto di vista sia fisico sia mentale».

«È una nostra debolezza di cui siamo consapevoli - sulla tendenza della squadra a farsi rimontare - stiamo cercando di lavorarci. Per il modo in cui noi giochiamo e impostiamo una partita è più facile che ci siano dei parziali. È bello potere dire "Abbiamo perso con una squadra di molto più forte solo all’ultimo", ma alla fine quello che conta è vincere».

«Non ha aiutato l’infortunio di Justin: quando sai che hai giocatori che possono entrare è più facile, magari non subentra la stanchezza. Per Nino e Tomas è tosta ricoprire un ruolo che non sono abituati a ricoprire. Justin ha un impatto diverso: essere affiancati da lui è più semplice per la difesa in post basso o per la lotta a rimbalzo. Anche io e Tariq possiamo pagare questa sua assenza, a volte dobbiamo aggiustare il nostro posizionamento difensivo e ci porta difficoltà a fare un tagliafuori».

«Mi sono sentito di non essere entrato in partita offensivamente. Io e Tariq abbiamo avuto problemi a trovare spazio in attacco, non siamo riusciti a farlo, a differenza di altre partite. Ho avuto la sensazione come se non fossi mai stato libero. A volte sei consapevole che non è la tua partita dal punto di vista realizzativo e provi a fare bene altro»

«Posso essere soddisfatto di come sta andando a livello personale, vedo i miglioramenti di settimana in settimana. È dovuto allo staff tecnico e fisico, mi sento soddisfatto ma non mi accontento. Sono consapevole di avere ancora molto da imparare ma non posso e non devo pormi nessun tipo di limite».

«Scola spesso quando arriviamo al campo è già lì che sta lavorando con i ragazzini. Non ha perso assolutamente quella voglia del toccare la palla, è di un certo livello il lavoro individuale quando c’è lui, anche solo a dare consigli o fare da appoggio».

«Ho un gran bel rapporto con Poz, sa rapportarsi con i giocatori, sono contento di averlo conosciuto. Mi piace molto di lui che tratta tutti nello stesso modo, giovani e veterani, questa è una cosa non da tutti. Dopo qualche partita ci siamo sentiti, per farmi un complimento o per fare una battuta. È il tipo di spirito di cui abbiamo bisogno per il movimento».

«Ci stiamo lavorando - su un eventuale rinnovo di contratto - ma non mi piace distrarmi durante la stagione pensando a questi aspetti. Ho ancora un altro anno qui, mi trovo benissimo e non penso ad altro che dare il meglio, tifosi e piazza se lo meritano. Per il mio sviluppo non potrei essere più felice che essere qui».

«Secondo me è una cosa sicuramente alla nostra portata - sulla qualificazione alla Coppa Italia - sono due squadre talentuose (Brindisi e Napoli). Abbiamo dimostrato di poter vincere contro chiunque. Sono ottimista che possiamo arrivare alle Final Eight con due vittorie di fila e dopo continuare per un buon piazzamento per i playoff».

Qui sotto la puntata integrale

Lorenzo D'Angelo


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore