/ Calcio

Calcio | 28 settembre 2022, 14:02

Addio a Bruno Bolchi. Fu anche giocatore e allenatore della Pro Patria: «Un signore del calcio»

Aveva 82 anni, esordì con l'Inter e concluse la carriera di calciatore nel '70-71. Il ricordo di Adriano Mancini quando suo padre Peppino lo chiamò

"Maciste" Bolchi nella mitica figurina Panini

"Maciste" Bolchi nella mitica figurina Panini

Lo chiamavano Maciste, ma Bruno Bolchi  - scomparso ieri a 82 anni - era «un gigante buono, un signore del calcio». Parole pronunciate da Adriano Mancini, che ricorda bene quando suo padre Peppino chiamò il giocatore, a fine carriera, a Busto Arsizio.

Doveva allenare la Pro Patria, ma non aveva ancora il patentino: fu giocatore, ma portò diversi giovani allo Speroni e gli fece da prestanome Cesare Pellegatta. Non fu una stagione proprio mitica, era ancora alla prima esperienza in panchina e Mancini a malincuore dovette esonerarlo (tra l'altro dopo un drammatico 4-1 con il Lecco, in cui proprio Maciste entrò e segnò l'unico gol dell'amaro incontro, ricorda il Bustocco). 

Negli anni Ottanta, Bolchi si distinse nel Bari dei miracoli e guidò anche Cesena, Lecce e Reggina.

Ma resta l'impressione di una persona splendida, che Peppino volle probabilmente su consiglio dal Torino: «Era proprio un signore - sottolinea Adriano - Ci piacque tantissimo, per la sua serietà. Sì, un signore del calcio, di quello antico».

Tra l'altro, il "Maciste" dell'Inter divenne la prima figurina Panini. L'ex centrocampista ed ex tecnico è morto a Firenze all'età di 82 anni dopo una lunga malattia. In carriera ha allenato più di 20 squadre.

Viveva da tempo a Pieve a Nievole, in provincia di Pistoia. Aveva esordito appunto in serie A con l'Inter, a 18 anni, diventandone poi capitano. Giocò poi con il Verona, l'Atalanta e il Torino. La sua carriera di calciatore appunto nel campionato 1970/71, a 30 anni. Busto Arsizio fu lo spartiacque della sua nuova vita.

Ma. Lu.


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore