/ Territorio

Territorio | 20 maggio 2022, 07:51

Tragedia del Mottarone. Vedano non dimentica il piccolo Mattia, Elisabetta e Vittorio: «Una ferita ancora aperta»

A un anno dal quel maledetto 23 maggio 2021, quando la famiglia Zorloni non fece ritorno a casa, è il sindaco Cristiano Citterio a farsi portavoce del dolore di tutta la comunità: «Li ricordiamo in silenzio, nei nostri cuori, nella speranza che la giustizia terrena faccia il suo corso»

Tragedia del Mottarone. Vedano non dimentica il piccolo Mattia, Elisabetta e Vittorio: «Una ferita ancora aperta»

E' passato ormai quasi un anno da quel maledetto 23 maggio del 2021, data che resterà tristemente nella storia del nostro Paese per la tragedia del Mottarone.

Una strage dove hanno perso la vita 14 persone, di cui cinque residenti in provincia di Varese. Tra loro anche il piccolo Mattia, sua mamma Elisabetta e suo papà Vittorio Zorloni, che abitavano a Vedano Olona. 

Una comunità che non dimentica e che ha affrontato il dolore di una perdita così terribile con grande dignità e partecipazione.

A farsi portavoce dei sentimenti vissuti dalla gente di Vedano Olona, in questo primo anniversario della tragedia, è il sindaco Cristiano Citterio. 

«E' una ferita ancora aperta per la nostra comunità - sottolinea il primo cittadino - la scuola, la parrocchia, la famiglia che non hanno visto più tonare i nostri Mattia, Elisabetta e Vittorio». 

«Li ricordiamo in silenzio, nei nostri cuori - conclude il sindaco - nella speranza che la giustizia terrena faccia il suo corso e accerti le cause e le responsabilità affinché tragedie analoghe non si ripetano mai più».

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore