/ Storie

Storie | 16 maggio 2022, 12:27

Valigeria Ambrosetti: "Non il solito negozio" ma «una storia da condividere anche con scuole e università»

A poco più di un mese dall'uscita del suo libro, Paolo Ambrosetti, titolare della storica attività varesina, racconta quello che è successo "dopo", qualche trucco del mestiere e non solo. «Mi chiamano anche da scuole e università per spiegare come fa un negozio a entrare nel nuovo millennio. A giugno saremo alla biblioteca civica di Varese...»

La squadra di Valigeria Ambrosetti: da destra, Federica, Paolo e Michela

La squadra di Valigeria Ambrosetti: da destra, Federica, Paolo e Michela

Storia. Passione. Comunicazione. Ecco le fondamenta su cui è stata costruita, e si sviluppa ogni giorno di più, la Valigeria Ambrosetti, una tra le attività che appartiene a Varese da sempre.

Almeno dal 1930, come recita Non il solito negozio - Valigeria Ambrosetti: dal 1930 ad oggi, una case history di successo nel mondo della moda, libro che Paolo Ambrosetti, titolare del negozio, ha presentato il 4 aprile scorso, in Camera di Commercio.

Un “manuale di sopravvivenza” per colleghi e clienti

Un’occasione cui hanno partecipato sia le autorità sia «i rappresentanti del settore, il libro parla anche dell’evoluzione del commercio, degli ordini, delle commesse, del cliente» e che è stata, per il commerciante, «una cassa di risonanza importante, continuo a essere contattato da varie testate per rilasciare interviste, oltre che da una ragazza che sta scrivendo una tesi su sul mondo del retail».

Tante soddisfazioni, quindi, e tanti successi per Paolo, rappresentante della quarta generazione di Ambrosetti al “comando” del negozio: «Il libro è stato un modo per chiudere il cerchio, l’ho scritto di pancia, avevo tante cose da raccontare e la casa editrice è stata molto brava, ha integrato con contenuti inerenti al mondo del retail, ad esempio il capitolo sulla contraffazione scritto dall’avvocato Guido Valerio Moretta, ci sono diversi contenuti utili per i clienti».

Anche i colleghi commercianti possono beneficiare di questo «manuale di sopravvivenza, in cui abbiamo messo a nudo la Valigeria, per far capire che dietro le borse c’è una storia, cerchiamo di trasmettere la nostra passione, oltre a qualche “trucchetto del mestiere” per cui diventati famosi su social. È un libro letto con piacere da chiunque sia appassionato di marketing, borse, commercio».

Condividere esperienze per agevolare l’economia

«Siamo un’attività di Varese, ma abbiamo visibilità anche fuori. Il negozio si è evoluto negli anni, ci prendono come esempio, abbiamo un bel reparto di marketing interno, le aziende condividono i nostri contenuti», racconta il titolare della storica Valigeria, orgoglioso dei risultati raggiunti e con ancora numerosi obiettivi in mente.

«Mi stanno contattando anche per chiedermi alcune docenze nelle università, andrò anche a Lugano, nelle scuole medie e superiori, per tenere corsi sul retail dal punto di vista dell’innovazione, ovvero per spiegare come fa un negozio a entrare nel nuovo millennio».

Ecco, la condivisione. Uno dei veri punti di forza di tutta la squadra del negozio varesino, tre persone che hanno fatto della storia di una famiglia un lavoro e, soprattutto, un’esperienza da raccontare. «Fa parte della nostra visione, durante i corsi insegno come fare post virali su Facebook. Spesso e volentieri, vedo colleghi che prendono spunto dai nostri contenuti, per me è un grande complimento. E poi, se tutti lavoriamo insieme, l’economia circolare viene agevolata!».

Infine, Paolo regala una piccola anteprima: «Verso giugno, presenteremo il libro anche alla Biblioteca Civica di Varese, sarete tutti i benvenuti!».

Non possiamo non indicarvi le pagine social attraverso le quali rimarrete sempre aggiornati sulle attività della Valigeria Ambrosetti: Facebook Valigeria Ambrosetti e Instagram @Valigeriaambrosetti

Giulia Nicora

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore