/ Storie

Storie | 03 maggio 2021, 11:10

STORIA. Besozzo, va in pensione lo storico responsabile dell'ufficio tecnico: «Mi sentirò sempre un besozzese»

Dopo 41 anni di lavoro, Marco Gaspari si potrà godere il meritato riposo, ma prima ha voluto salutare Besozzo e i besozzesi con una breve lettera: «C'è ancora tanto da fare, se avrete bisogno sarò sempre disponibile per informazioni tecniche. l'opera più bella la riqualificazione del Faro»

Marco Gaspari saluta i besozzesi

Marco Gaspari saluta i besozzesi

Dopo 41 di lavoro, è andato in pensione lo storico responsabile dell'ufficio tecnico del Comune di Besozzo, il geometra Marco Gaspari, una vera istituzione nell'istituzione per i besozzesi.

Gaspari, prossimo ai 63 anni, ha voluto rivolgersi idealmente al "suo" Comune, con una breve lettera in cui ripercorre la sua lunga carriera che è un po' anche un pezzo di storia recente del paese. «Caro Comune di Besozzo - si legge nella missiva - ti lascio dopo 41 anni con tanto affetto; mi hai dato tanto ma io ti ho dato di più. Sono passati sei sindaci (di cui due con doppio mandato), due commissari prefettizi e 26 segretari comunali. Ho contribuito a livello tecnico a migliorarti ma c’è ancora tanto da fare».

Un pensiero ovviamente è rivolto ai besozzesi. «Un carissimo saluto a tutti i cittadini di Besozzo - conclude Gaspari - se avrete bisogno sarò sempre disponibile per informazioni tecniche. Mi sono sentito, mi sento, mi sentirò sempre un besozzese. Un cordiale saluto un abbraccio a tutti i colleghi, sindaco, giunta comunale e tutti i consiglieri comunali dal vostro geometra Marco Gaspari».

Come regalo per la pensione, Gaspari ha chiesto ai colleghi una donazione per le attività della Protezione Civile di Besozzo. L'opera pubblica a cui è più affezionato in questi tanti anni di lavoro? «La riqualificazione del Faro» risponde sicuro il geometra. 

 

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore