/ Territorio

Territorio | 01 maggio 2021, 11:37

Comerio non dimentica Angelo Radaelli e gli dedica una sala e un giardino di rose bianche e rosse

Si è svolta questa mattina la cerimonia di ricordo del volontario, ex lavoratore Ignis e storico bigliettaio della Pallacanestro Varese, nato il 1° maggio del 1929, che alla sua morte nel 2020 aveva lasciato 50 mila euro da destinare agli anziani del paese

Angelo Radaelli

Angelo Radaelli

Comerio non dimentica il cuore e la generosità di Angelo Radaelli, che il suo altruismo e l'amore per gli altri lo ha dimostrato non solo durante la sua vita ama anche dopo. Radaelli, classe 1929, ex lavoratore della Ignis di Giovanni Borghi e storico bigliettaio a Masnago della Pallacanestro Varese, alla sua morte, avvenuta nel 2020, aveva lasciato nel testamento 50 mila euro da destinare agli anziani del paese. (LEGGI QUI)

Questa mattina, a Comerio si è svolta una piccola cerimonia in forma ristretta con cui a Radaelli "cittadino benefattore", come si legge nella targa, è stato intitolato il salone del centro civico del municipio oltre che un roseto formato da rose bianche e rosse a ricordo della sua grande passione per la Pallacanestro Varese. «Da oggi - commenta il sindaco Silvio Aimetti - uno dei luoghi più importanti per la vita della nostra comunità è intitolato a una persona nata in questo giorno e che in tanti abbiamo avuto il privilegio di conoscere e apprezzare». 

Nel corso della cerimonia alla presenza dei rappresentanti delle associazioni, è stata ricordata la figura di Angelo Radaelli; in particolar modo sono stati significative le testimonianze dei presidenti della Filarmonica e della SOMS, che hanno messo in luce l'altruismo e la generosità di Radaelli. «In un'epoca "veloce" dettata dalla rapidità e aggressività dei post sui social, dall'istantaneità dei flashmob, l'esempio di cittadinanza attiva che questo piccolo grande uomo ha lasciato nella nostra comunità deve farci riflettere - conclude il sindaco - il suo grande gesto di generosità nei confronti degli anziani di Comerio è solo il culmine di una vita spesa per il lavoro, inteso non solo come professione ma come servizio gratuito agli altri. Grazie Angelo». 

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore