/ Territorio

Territorio | 01 dicembre 2020, 09:22

L'invito delle educatrici della casa di riposo Don Guanella di Ispra a cittadini e parenti: «Scrivete una lettera ai nostri anziani»

Un'iniziativa dal sapore retrò, visto l'imperversare di social e chat, che vuole rinforzare i legami che la distanza fisica ha visto aumentare: «Aspettiamo lettere, biglietti, poesie, anche in forma anonima». All'esterno della Rsa predisposta una speciale "cassetta" delle lettere.

L'invito delle educatrici della casa di riposo Don Guanella di Ispra a cittadini e parenti: «Scrivete una lettera ai nostri anziani»

Un'iniziativa dal sapore un po' retrò, visto l'imperversare di social network, whatsapp e chat varie, ma che ha l'obiettivo di rinsaldare legami e affetti tra la casa di riposo Don Guanella di Ispra con il mondo esterno, non solo quello dei parenti degli anziani ospiti ma anche di tutto il paese e il territorio.

La rsa è fortunatamente ancora Covid free ma proprio le severe regole anti contagio hanno portato inevitabilmente a isolarsi ancora di più; da qui, nasce l'idea delle educatrici della Don Guanella rivolta non solo ai parenti degli ospiti ma anche ai cittadini perché scrivano una lettera, un pensiero, un biglietto o una poesia e la spediscano alla casa di riposo. Una sorta di "C'è posta per te", rivolto agli anziani ma anche agli operatori della rsa. «In questo difficile momento abbiamo sentito la necessità di rinforzare i legami che hanno visto la distanza fisica aumentare, ma che forse si sono ancora più rafforzarti dal punto di vista emotivo - spiegano le educatrici della rsa isprese - abbiamo capito il valore di una carezza, un abbraccio, uno sguardo e un sorriso purtroppo oggi celato dalle mascherine. Abbiamo pensato di tornare un po’ indietro nel tempo quando si usava comunicare scrivendosi lettere, bigliettini e pensieri. A volte è più facile dirsi alcune cose con la penna piuttosto che con la voce. È un’abitudine caduta purtroppo in disuso, ma qui siamo persone di altri tempi, pertanto vogliamo invitarvi ad aprire questo nuovo canale di comunicazione. Aspettiamo le vostre lettere, biglietti, poesie e tutto ciò che avrete voglia di scriverci, volendo anche in forma anonima». 

Come spedire la propria lettera alla Don Guanella? «All’esterno della struttura, nella postazione dei colloqui, abbiamo posizionato un grande contenitore rosso, con la dicitura “posta” nel quale potrete mettere i vostri scritti. Speriamo davvero che possa riempirsi presto. Per noi sarà un piacere leggerle e rispondervi» concludono le educatrici. Per ragioni di sicurezza, lettere, biglietti e poesie non vanno portate personalmente alla casa di riposo ma spedite per posta, proprio come si faceva una volta. 

 

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore