/ Territorio

Territorio | 14 ottobre 2020, 09:24

Il Coronavirus "picchia" su Arcisate, positivi tre studenti e un quarantenne. Il sindaco: «Sono tutti asintomatici»

«Due classi della nostra scuola media sono state messe in quarantena, gli altri sei arcisatesi alle prese con il Covid stanno tutti bene - afferma il sindaco Gian Luca Cavalluzzi - consiglio ad anziani e persone con patologie di evitare il più possibile di uscire di casa».

Il Coronavirus "picchia" su Arcisate, positivi tre studenti e un quarantenne. Il sindaco: «Sono tutti asintomatici»

Il Coronavirus torna a "picchiare" su Arcisate, dove si sono registrati nelle ultime ore quattro casi positivi al tampone; si tratta di due studenti delle scuole medie, di uno delle superiori e di una persona attorno ai 40 anni. 

Ad aggiornare i cittadini sull'evolversi dei contagi in paese il sindaco Gian Luca Cavalluzzi che ha pubblicato sui social un video e un messaggio:

«Cari Arcisatesi, devo segnalare ben quattro casi di positività nel nostro paese. Si tratta di tre minorenni (due frequentanti la scuola media e uno studente delle superiori) ed una persona intorno ai 40 anni. Difficile stabilire dove abbiamo contratto il virus. Sta di fatto che, dopo lievissimi sintomi, per precauzione, si sono sottoposti a tampone, risultato positivo. Tutti e quattro sono a casa ed in questo momento sono completamente asintomatici. Stanno molto bene e completeranno l’isolamento tra le mura domestiche. Due classi della nostra scuola media sono state messe in quarantena e come da protocollo, i controlli verranno effettuati su tutti i contatti dei nuovi contagiati. Gli altri sei arcisatesi alle prese con il coronavirus stanno tutti bene ed attendono la guarigione serenamente. Non posso escludere altre segnalazione dato l’elevato numero di tamponi che sono stati effettuati in questi giorni. Da inizio emergenza, i contagi totali nel nostro paese salgono a 43. Va da sé che, come sempre, va usata la massima cautela nei nostri spostamenti fuori casa. Oltre a distanziamento sociale e divieto di assembramenti, come da nuovo decreto, è obbligatorio avere con sé la mascherina ed indossarla nei luoghi chiusi (al di fuori della propria abitazione) e nei luoghi all’aperto dove non sia garantito il distanziamento sociale in maniera continuativa. Il decreto prevede molte altre restrizioni relative a cerimonie e feste pubbliche e private. Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti che sarebbe troppo lungo spiegare in un video. La cosa importante è fare molta attenzione e cercare il più possibile di serrare i ranghi in questo difficile momento. Consiglio ad anziani e soprattutto a persone con patologie pregresse di evitare il più possibile di uscire di casa se non per le situazioni di necessità»

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore