/ Enogastronomia

Enogastronomia | 12 settembre 2020, 12:30

Bake Off Italia 8, Sara Moalli e i peccati di gola della seconda puntata

Ogni settimana, dopo il programma, vi riassumeremo i momenti principali della puntata, con particolare attenzione alla designer varesina. Non avete ancora visto la replica? Non preoccupatevi, gli spoiler sono segnalati!

Qui e nella galleria fotografica la designer varesina Sara Moalli

Qui e nella galleria fotografica la designer varesina Sara Moalli

Seconda puntata di Bake Off Italia, il cooking show dedicato al mondo della pasticceria. Tra i 15 concorrenti rimasti in gara dalla scorsa puntata, la varesina Sara Moalli.

Il programma, prodotto da Magnolia per Discovery Italia, viene trasmesso ogni venerdì alle 21.20 su Real Time (canale 31 del digitale terrestre) e in streaming sulla piattaforma DPlay, oltre ad essere disponibile su Sky. Vi siete persi la puntata del venerdì? Potrete seguire le repliche di sabato alle 19.40, di domenica alle 13.40 e di mercoledì alle 16.30.

Attraverso i social, potrete inoltre interagire e commentare la puntata, utilizzando l’hashtag #BakeOffItalia e taggando i profili @realtimeitalia su Facebook, @realtimetvit su Instagram e @realtimetvit su Twitter.

Inoltre, potrete seguire Sara attraverso i suoi profili @SaraMoalli su Facebook e @saramoallibakeoff8 su Instagram.

DA QUI IN AVANTI... ALLERTA SPOILER!

********

******

****

**

*

La seconda puntata del programma di cucina più “dolce” d’Italia è appena iniziata. 

La conduttrice Benedetta Parodi annuncia subito che, come nella puntata precedente, i concorrenti verranno divisi in due batterie: i peggiori si sfideranno tra loro per mantenere il proprio posto sotto al tendone di Bake off Italia. 

Il tema di questa puntata sono "i peccati di gola", il dolce preferito in cui ci si “rifugia” dopo una giornata difficile… o meglio, in cui si rifugiano i giudici, perché, come avvisa il “cake star” Damiano Carrara, i concorrenti dovranno replicare i peccati di gola di Ernst Knam e di Damiano Carrara.

Sara può iniziare subito a mettere le “mani in pasta” con gli altri concorrenti della prima squadra e confrontarsi con la «bellissima e difficilissima» Torta Soleil di Ernst Knam, tre strati di Pan di Spagna duchesse alle mandorle, farcito con crema Chantilly alla vaniglia (composta da crema pasticcera e panna), riempito di lamponi freschi e decorato con l’Elastic al lampone - la «lavorazione più difficile da fare» che lascia perplessi tutti i concorrenti -, panna e ancora lamponi.

È una prova tecnica, la prima di questa edizione di Bake Off Italia, quindi il “re del cioccolato” non può assistere alla gara: saranno gli altri giudici, Damiano Carrara e l’esperta di cucina Csaba Dalla Zorza a supportare i pasticcieri.

La prima difficoltà è capire la ricetta di tre pagine in cui sono spiegati tutti i passaggi della preparazione. Certo, le distrazioni non aiutano - Philippe, al centro tra la mora Valeria e la bionda Sara ne sa qualcosa -ma la nostra designer varesina continua a cucinare, confrontandosi con gli altri concorrenti sulle preparazioni.

È passata la prima ora, è il momento per tutti di preparare l’Elastic al lampone, un sottilissimo strato di gelatina da apporre sopra la torta.

Damiano e Csaba girano tra i banconi, Sara è a buon punto, ma il suo impasto, le fa notare Damiano, si è smontato, la parte inferiore non si è cotta bene; la nostra pasticciera può risolvere la situazione bagnando meno il Pan di Spagna con la bagna al lampone. «I giudici da me so che si aspettano tanto, quindi testa bassa, concentrazione e faccio del mio meglio», commenta Sara.

Mancano venti minuti, i concorrenti devono iniziare ad assemblare il dolce. A Sara manca ancora una preparazione, ma sembra avere la situazione sotto controllo. Forza Sara!

Solo 60 secondi alla fine della sfida, una veloce aggiunta di panna e la prima sfida è finita: Ernst Knam assaggerà i dolci e ne decreterà i peggiori.

La replica della Torta Soleil di Sara è una tra le più belle: purtroppo, manca la decorazione di panna e lamponi, ma i tre strati di pan di spagna hanno l’altezza giusta e sono stati bagnati correttamente. «Sicuramente sarà buonissima» prevede Knam…e infatti, dopo ben 5 forchettate, decreta «questo sì che è un peccato di gola, come la mia».

I nostri complimenti a Sara, che è salva e può assistere in tranquillità alla prova della seconda batteria e accedere direttamente alla prossima puntata.

Vi aspettiamo venerdì prossimo!

Giulia Nicora

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore