/ Hockey

Hockey | 25 luglio 2020, 01:16

Il palaghiaccio non riaprirà: Palazzo Estense accelera sulla pista provvisoria da ultimare entro un mese dall'inizio dei lavori

Nell'incontro tra amministrazione e associazioni sportive che operano al palaghiaccio si è fatto il punto sulla prossima stagione: confermata la volontà di creare una pista esterna all'antistadio mentre il nuoto verrà smistato nelle altre vasche della città. I Mastini, il cui futuro è un'incognita, non sono stati rappresentati dal presidente Matteo Torchio

Il palaghiaccio non riaprirà: Palazzo Estense accelera sulla pista provvisoria da ultimare entro un mese dall'inizio dei lavori

Qualcuno ancora credeva che il palaghiaccio, seppur acciaccato e malandato, potesse essere riaperto per settembre: quante volte la struttura aveva dato cenni di cedimento e quante volte si era riusciti a metterci una pezza. Questa volta no, anche perché la chiusura non dipende più solo dall'amministrazione ma da indagini legate a vicende esterne (o interne) passate sotto la lente di ingrandimento dell'autorità: il sindaco Davide Galimberti e l'assessore Dino De Simone, in una riunione con le associazioni sportive che gravitano al Palalbani, hanno confermato l'impossibilità della riapertura. A parte l'onerosità e la laboriosità dell'eventuale intervento, che senso avrebbe spendere soldi tenendo conto di quelli già investiti - da Roma in primis e poi da Varese - per i lavori di riqualificazione, al via tra fine anno e marzo 2021? (leggi QUI).

Le associazioni sportive che al palaghiaccio lavorano da anni chiedono continuità dei corsi e delle attività agonistiche: sulla parte ghiaccio l'amministrazione ha confermato di voler realizzare una pista provvisoria che sarà posizionata nell'antistadio (leggi QUI), edificabile in un mese e che consentirebbe anche ai Mastini - presenti all'incontro ma però non con il presidente Matteo Torchio, punto di riferimento fondamentale dell'ultima stagione e non solo - di allenarsi in casa, perché la stessa pista su cui si sta ragionando sarebbe regolare con le reti e le balaustre, pur non prevedendo tribune. Anche tuti i corsi di pattinaggio potrebbero svolgersi a Masnago, senza dover ricorrere agli impianti di Milano o Como

Sulla parte nuoto l'unica soluzione, non potendo installare anche una piscina provvisoria, è che l'attuale società di gestione dell'area acqua smisti l'attività nelle altre vasche della città. Da verificare la praticabilità della cosa, anche per via delle regole anti-Covid che impediscono assembramenti, soprattutto in luoghi chiusi come le piscine.

Redazione


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore